Il nuovo modo di leggere Napoli

Dal 5 maggio, il pizzaiolo Errico Porzio promotore dell’iniziativa benefica “Una corona di pizze”

di / 0 Commenti / 126 Visite / 27 aprile, 2020

pizzaiolo-errico-porzio Il pizzaiolo Errico Porzio, da sempre attento ai problemi sociali e consapevole della grave crisi economica arrecata dall’emergenza coronavirus, si appresta a farsi promotore dell’ennesima lodevole iniziativa: “una corona di pizze.”

Dal 5 maggio al 30 giugno (con eventuale proroga) la pizzeria Porzio di Soccavo donerà quotidianamente 50 pizze alle persone e alle famiglie più disagiate del quartiere.

I ticket validi per il ritiro delle pizze saranno consegnati da alcune parrocchie del quartiere agli aventi diritto, quindi ai nuclei familiari o alle persone indigenti che abitualmente richiedono aiuti umanitari o che in questo momento di particolare difficoltà faticano a fare la spesa e per questo si sono rivolti alla chiesa o alle associazioni di volontari operanti sul territorio.

Errico Porzio, pizzaiolo dal cuore d’oro, non è nuovo a questo genere di slanci di altruismo, tant’è vero che nel corso degli anni ha messo la firma su iniziative sociali e a sfondo benefico che lo hanno visto puntualmente schierarsi dalla parte dei bisognosi e di certo non poteva esimersi dal dare il suo contributo alla causa delle cosiddette fasce deboli, anche in un momento di emergenza così drammatico e senza precedenti storici che sta mettendo a dura prova tantissimi cittadini.

Non appena la Regione Campania ha dato l’ok per la riapertura delle pizzerie, seppure autorizzando soltanto l’attività di delivery, Porzio si è subito attivato per tendere la mano anche agli indigenti di Soccavo, quartiere che ospita la sede storica dell’omonima pizzeria.

Entusiasta ed impaziente di tornare a sfornare pizze per i suoi clienti, seppure dovrà pazientare ancora per rivedere nutriti gruppi di persone in fila all’esterno delle sue pizzerie, nella trepidante attesa di conquistare un tavolo, Porzio continua a rivelarsi uno dei pizzaioli napoletani più reattivi al cospetto dell’emergenza coronavirus: in primis, dispensando consigli e ottimismo, attraverso le tante dirette facebook andate in onda nel corso della quarantena, nel corso delle quali ha insegnato a migliaia di italiani a fare la pizza, il pane, le graffe, i panini napoletani, il lievito madre, il casatiello, allentando la tensione e la paura alla sua maniera, con il sorriso sulle labbra e una smisurata passione per il suo lavoro. Rientrata l’emergenza, almeno in parte, vedendosi riconoscere la possibilità di tornare a lavorare, seppure dovendosi attenere a delle rigidissime restrizioni, “il pizzaiolo social” si è immediatamente attivato per supportare la causa dei cittadini in difficoltà. Un gesto tutt’altro che scontato che tanto racconta dell’anima da napoletano doc di uno dei pizzaioli più amati d’Italia.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)