Il nuovo modo di leggere Napoli

Calamarata: la ricetta di “Mimmo il Pastaio”

di / 0 Commenti / 676 Visite / 15 maggio, 2020

calamarata-ricetta-calamarata La cucina napoletana è un autentico tesoro di ricette e segreti, tutti da scoprire.

Il pastaio Domenico Scognamiglio, proprietario dello storico laboratorio di pasta artigianale “Il Tortellino Pasta Fresca”, ci guiderà nella scoperta degli ingredienti e dei segreti per servire in tavola uno dei primi piatti più amati ed apprezzati della cucina napoletana: la calamarata.

“La Calamarata è un saporito primo piatto di pesce tipico della cucina napoletana – spiega “Mimmo il Pastaio” – la cui particolarità è che si prepara con la pasta calamarata, un formato speciale a forma di anelli di calamaro da cui prende appunto il nome! Una volta cotta al dente, viene risottata e condita con un sugo di calamari e pomodorini cremoso e avvolgente; dove gli anelli pesce si confondono a quelli di pasta, abbracciandosi in un girotondo di sapori al profumo di mare squisito! Come ogni ricetta della tradizione esistono diverse versioni: da quella in bianco, molto simile alla Calmarata di Totani, a quella con aggiunta di salsa di pomodoro; tantissime poi, sono le varianti con verdure, ad esempio. Quella che vi proporrò è la Ricetta originale della Calamarata napoletana, per servirla in tavola saporita e cremosa come al ristorante!

Si tratta di una preparazione semplice e anche piuttosto veloce, bastano pochi ingredienti freschi e genuini, pochi passaggi; il segreto è utilizzare una pasta che non scuoce di ottima qualità trafilata al bronzo e ultimare la sua cottura direttamente nel sughetto di pesce! In questo modo gli anelli di pasta si fonderanno con tutto il sapore dei calamari risultando cremosissimi e super saporiti!Io la trovo perfetta come primo piatto per tutte le stagioni e per tutte le occasioni; dalle feste natalizie, a quelle estive, da una domenica in famiglia ad un pranzo tra amici!

INGREDIENTI

  • 320 gr di pasta calamarata
  • 600 gr di calamari
  • 12 pomodorini ciliegina o pachino
  • 2 spicchi d’aglio
  • 3 cucchiai di olio extravergine
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco (facoltativo)
  • prezzemolo fresco
  • sale

PREPARAZIONE:

Pulire i calamari, eliminare le interiora e la pelle. Affettare gli anelli a circa 2 cm.

Soffriggere in una padella gli agli sbucciati e leggermente schiacciati con l’olio per 1 minuto. Aggiungere i pomodorini lavati e tagliati a metà. Aggiungete una manciata di prezzemolo tritato.

Coprite con un coperchio e lasciate in padella 2 minuti abbassando leggermente la fiamma.

Aggiungete quindi gli anelli di calamari.

Cuocete a fuoco vivace per 1 minuto, a questo punto sfumate con il vino. Se non gradite, potete saltare questo passaggio. coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fiamma bassa per 10 minuti.

Al termine del tempo indicato il vostro sugo di calamari è pronto, correggete di sale.

Cuocete quindi la pasta calamarata in abbondante acqua, la metà dei minuti, indicata sulla confezione. Scolate dura e ponetela nella padella del sugo dei calamari, avendo avuto cura di mettere da parte i pomodorini. Aggiungete un’altra manciata di prezzemolo. Risottate la pasta a fuoco lentissimo per circa 4 – 5 minuti se necessario aggiungete 1 cucchiaio di olio. Il risultato finale dev’essere una pasta cremosissima, aggiungete infine i pomodorini, lasciate mantecare tutto insieme 1 minuto.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)