Il nuovo modo di leggere Napoli
video

VIDEO-Preghiera per l’Irpinia: dalla quarantena nasce l’inno alla ripartenza degli artisti Cipriano e Cataldo

by / 0 Comments / 32 View / 29 maggio, 2020

 Preghiera per l’Irpiniavigneti_consorzio-tutela-vini-dirpinia è il titolo del video della “canzone-poesia”, realizzata a distanza dal poeta Domenico Cipriano e dal giovane chitarrista Alessandro Cataldo, on-line sul canale YouTube PAROLE NECESSARIE. Un inno alla ripartenza e un atto di fedeltà alla nostra terra, una preghiera necessaria e delicata per chi vuole ripartire, sapendo dove si posano le proprie radici. Un invito ad avere cura della bellezza della nostra Irpinia, in ogni sua forma. Il video è stato realizzato anche utilizzando alcune foto di Luigi Cipriano e delle immagini concesse da Giorgia Lamola.

Nei giorni di “quarantena”, nonostante l’impossibilità di incontrarsi fisicamente, sono nate tante idee a distanza. Questa collaborazione, in particolare, parte dalla necessità di trovare delle parole che rispondano ai disagi del nostro tempo o che sappiano cogliere nuove prospettive che le esigenze di distanziamento e di isolamento nelle nostre case ci hanno trasmesso. L’importanza di cogliere stati d’animo e parole “necessarie” nella nostra epoca di cambiamento e di incognite sul futuro che si traducono in poesia, suoni e immagini da portare con noi lungo il cammino quotidiano

Così, le poesie di Domenico Cipriano incontrano le musiche di Alessandro Cataldo per rielaborazioni in forma di “canzoni-poesia”, ma con una esecuzione non cantata. A ciò si aggiungono video ispirati a testo e musica, caratterizzati della brevità e della densità del contenuto, adatti al linguaggio della rete, realizzati anche coinvolgendo artisti visivi.

Lo spazio PAROLE NECESSARIE è sulla piattaforma YouTube, a cui ci si può iscrivere per essere aggiornati sulle novità e da cui è facile condividere i video.

Preghiera per l’Irpinia

Lascia che ci difendano gli angeli

dalle paure della notte

qui dove il sole ci riflette

e non c’è discordia con l’eternità.

 

Ci prenderemo cura delle rughe

del respiro affannato

delle storie che raccontano

le infinite attese e guariremo

le ali spezzate sotto il cielo.

 

Sarà lieve cullare nuova vita

come quel limpido oscillare

che genera il tuo sguardo sulla strada.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)