Il nuovo modo di leggere Napoli

La moda ai tempi dei social metwork: fashion blogger VS vetrinista esperta

di / 1 Commento / 47 Visite / 8 luglio, 2020

L’irruzione dei social network nella sfera quotidiana di ogni singolo abitante del pianeta ha concorso a generare un profondo cambiamento, non solo in termini di abitudini e comportamenti, ma anche e soprattutto nell’approccio al lavoro, riuscendo perfino a creare delle figure professionali di successo.

Gli influencer e i fashion blogger sono l’esempio eclatante di come e quanto sia facile guadagnare anche cifre da capogiro, pur non avendo alcuna competenza né qualifica professionale, ma solo una grande abilità nello scattare foto accattivanti, unitamente alla possibilità di esibire oggetti di lusso ed ostentare uno stile di vita agiato, riuscendo così a raggiungere lo status symbol di modello da imitare, osannato da migliaia di followers.

Nell’era dei social, la scalata verso il successo che porta i giovani a guadagnare migliaia di euro semplicemente pubblicando una foto, inizia così.

Giovani che guadagnano cifre astronomiche, dettando legge in materia di moda e tendenze, sbeffeggiando ed eludendo i sacrifici e la fatica di chi, di contro, per consolidare la propria posizione seguita a lavorare duramente, pur guadagnando cifre ben più terrene che molto spesso bastano a malapena a coprire le spese.

A spiegare quanto sia difficile rivendicare competenze e consentire al peso dell’esperienza e della gavetta di fare la differenza è Marica Di Santo, giovane proprietaria del negozio di abbigliamento donna e bambino “Solo Stile” che dopo tanti anni di gavetta, ha imparato anche a valorizzare le vetrine e i locali commerciali: “forte dell’esperienza maturata nel tempo, – spiega Marica Di Santo – partendo dal gradino più basso, com’è giusto che sia, a mio avviso, oggi posso consigliare al meglio non solo le mie clienti, ma proprio per ampliare i miei margini di guadagno, sono in grado di mettere a disposizione di altre realtà del settore le mie competenze. 

whatsapp-image-2020-07-07-at-15-18-25-1

L’avvento degli influencer e delle fashion blogger in questo settore ha stravolto ogni criterio e dinamica, mettendo in condizione anche le figure più affermate e consolidate di fare i conti con una realtà profondamente mutata. In molti pensano che per “dettare legge” in materia di moda sia necessario solo avere buon gusto e, perchè no, anche un bell’aspetto che renda più credibile ed accattivante il capo sfoggiato in foto che immediatamente diventano popolare sui social. Un’ondata di popolarità che genera un effetto domino, con decine di ragazzine, ma anche di donne che smettono di acquistare gli abiti che maggiormente si addicono alle caratteristiche del loro corpo per assecondare le mode virali del momento. Dover “combattere” contro l’ambizione di “vestirmi così per somigliare a” per chi fa questo mestiere è un compito davvero arduo, ma chi, come me, si trova dall’altra parte della barricata, non deve smettere di rivendicare il peso delle competenze e delle esperienze accumulate con il sudore della fronte per fare in modo che alla lunga abbiano la meglio. 

In molti pensano, ad esempio, che per allestire una vetrina, basti avere buon gusto e collocare a casaccio dei capi d’abbigliamento in modo convincente, invece, gli allestimenti rappresentano quel genere di lavoro che richiedono delle conoscenze e delle competenze che non possono essere improvvisate ed è per questo che da tempo mi diletto nel mettere a disposizione le mie capacità per allestire le vetrine delle varie attività che hanno bisogno d’aiuto per abbellire ed esaltare con poco il proprio ambiente.
Una delle cose più complicate è sicuramente “l’ordine” dei corner, che ovviamente è soggettivo, ma ci sono delle piccole regole standard da non infrangere per la riuscita di una esposizione perfetta!
Di solito non faccio promesse,ma baso il mio lavoro su una solida certezza: tutto l’amore e l’impegno che dedico al mio Solo Stile, in ugual misuralo ripongo nel curare i negozi che si affidano e si fidano di me!”

whatsapp-image-2020-07-07-at-15-26-34

Un Commento

  1. […] … Continua a leggere dalla fonte originale […]

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)