Il nuovo modo di leggere Napoli

Sabato 18 luglio: “Campania by night al Castello di Baia”, il Balletto del San Carlo con “Le Quattro Stagioni” di Vivaldi

di / 0 Commenti / 65 Visite / 17 luglio, 2020

baia_castelloCampania by night fa tappa domani sabato 18 luglio alle ore 21 al Castello di Baia (Bacoli), con il Balletto del Teatro di San Carlo sulle musiche de “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, una nuova coreografia dell’étoile Giuseppe Picone con i costumi di Giusi Giustino. Direttore del corpo di Ballo del San Carlo, Picone ha concepito sulle celebri musiche  di Vivaldi, tra le pagine più note e amate della musica barocca, una coreografia che tiene conto della delicata situazione dell’emergenza sanitaria, valorizzando il distanziamento degli artisti in una innovativa ricerca sul movimento e sul gesto. Sua l’ideazione di un personaggio, il Vento, che interpreta come étoile con le coreografie di insieme sulle stagioni. Costo biglietto € 20 (intero) / € 10 (ridotto: possessori Campania>Artecard, under 30 over 65 e abbonati Teatro San Carlo). Prenotazioni: botteghino del Teatro San Carlo e vivaticket.it.

Per “Open Art”, il programma di eventi speciali dell’Estate 2020 di Scabec, sabato 18 luglio alle ore 21 alla Reggia di Carditello, in Via Carditello San Tammaro (CE), parte il primo appuntamento di “Rosso Vanvitelliano, se queste mura potessero parlare”, il Grand Tour teatrale per la valorizzazione dei siti storici della Campania segnati dall’ingegno di Luigi Vanvitelli, organizzato da Fabrica Wojtyla. Nella magica cornice del Real sito la rossa maschera della tradizione, alter ego del grande architetto Luigi Vanvitelli, narra una visione del grande architetto come metafora del tempo. “Rosso Vanvitelliano” proseguirà fino al 5 settembre Info: www.scabec.it

Campania by night, la rassegna di eventi culturali e di spettacoli in siti suggestivi, parchi archeologici, piazze storiche e palazzi, promossa e organizzata dalla Scabec, propone per l’edizione 2020 circa 70 eventi in oltre 20 location di fascino, su tutto il territorio regionale. Tra i principali luoghi: le aree archeologiche vesuviane da Oplontis, all’antica Stabiae e Boscoreale; i Campi Flegrei con le Terme e il Castello di Baia, il Rione Terra, Pozzuoli e la villa rustica di Quarto; Salerno con il parco archeologico di Fratte e il vicino museo di Pontecagnano; la Costiera amalfitana con Agerola e il Sentiero degli dei, le aree interne di Summonte, Avella, Lioni e dell’alto Casertano con Santa Maria Capua Vetere e il Real Sito di Carditello; Benevento con il Teatro romano e l’isola d’Ischia. 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)