Il nuovo modo di leggere Napoli

30 settembre 1943: l’ultima delle “Quattro giornate di Napoli”

di / 0 Commenti / 54 Visite / 30 settembre, 2020

le-quattro-giornate-di-napoli-copertina30 settembre 1943: mentre le truppe tedesche avevano già iniziato lo sgombero della città per il sopraggiungere delle forze anglo-americane provenienti da Nocera Inferiore, in città il professor Antonio Tarsia in Curia si autoproclamò, presso il Liceo “Jacopo Sannazaro”, capo dei ribelli assumendo pieni poteri civili e militari ed impartendo, tra l’altro, precise disposizioni circa l’orario di apertura degli esercizi commerciali e la disciplina.

Tuttavia, i combattimenti non cessarono e i cannoni tedeschi che presidiavano le alture di Capodimonte colpirono per tutta la giornata la zona tra Port’Alba e Materdei.

Altri combattimenti si ebbero ancora nella zona di Porta Capuana.

Gli invasori in rotta lasciarono dietro di loro incendi e stragi; clamoroso fu il caso dei fondi dell’Archivio di Stato di Napoli, che furono dati alle fiamme per ritorsione nella villa Montesano di San Paolo Belsito, dove erano stati nascosti, con incalcolabili danni al patrimonio storico e artistico, e la perdita degli originali membranacei della Cancelleria Angioina.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)