Il nuovo modo di leggere Napoli

Emergenza covid: altre 5 regioni finiscono in zona arancione, la Campania resta in zona gialla

di / 0 Commenti / 588 Visite / 10 novembre, 2020

file-ambulanze-cotugnoLa comunicazione tanto attesa e temuta in Campania è slittata ancora una volta: la Regione del governatore De Luca resta in zona gialla, mentre altre cinque regioni italiane balzano nella zona arancione.

Abruzzo, Basilicata, Umbria, Liguria e Toscana: queste le regioni per le quali sono state decise limitazioni più stringenti per tamponare l’emergenza covid-19.

Annunciato un approfondimento nelle prossime ore sulla Campania che potrebbe diventare rossa anche se la Regione ribadisce che “il sistema sanitario regge”.

Dopo tre giorni di rinvii, la cabina di regia del ministero della Salute aggiorna il monitoraggio sulla situazione epidemiologica in Italia e il ministro Roberto Speranza firma le ordinanze con cui Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria e la provincia di Bolzano finiscono in una fascia diversa e con maggiori restrizioni rispetto ad una settimana fa.

“La situazione continua a peggiorare – dice il direttore del Dipartimento di prevenzione del ministero Gianni Rezza – e giustifica l’adozione di interventi più restrittivi”.

Le misure entreranno in vigore da mercoledì 11 novembre, dopo giorni di tira e molla tra governo e regioni, con i dati che hanno faticato ad arrivare a Roma e la pressione costante di buona parte dei governatori affinché l’esecutivo abbandonasse il sistema di restrizioni localizzate adottato con il Dpcm del 3 novembre a favore di un provvedimento nazionale. Un lockdown generale che il premier Giuseppe Conte continua a non volere e che però chiedono anche i medici, lanciando allarmi da due giorni.

“Se i numeri continueranno a essere questi il governo dovrà prendere delle decisioni importanti che contemplano anche il lockdown totale – ha ribadito il presidente della Federazione dei medici Filippo Anelli – Solo così si può bloccare l’ascesa di questa curva, altrimenti il sistema sanitario non reggerà”.
Per il momento però non si cambia. E dunque: nei prossimi 15 giorni Abruzzo, Basilicata, Umbria, Liguria e Toscana saranno in zona arancione.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)