Il nuovo modo di leggere Napoli

L’incredibile storia di Palazzo Sanfelice, set di “Mina Settembre”

di / 0 Commenti / 977 Visite / 11 febbraio, 2021

palazzo-sanfelice-napoliPalazzo Sanfelice, ubicato nel Rione Sanità, nel cuore del centro storico partenopeo, ha conquistato la ribalta nazionale dopo aver accolto alcune riprese della seguitissima fiction di Rai1 “Mina Settembre”.

Non tutti sanno che questo antico e suggestivo palazzo partenopeo vanta una storia affascinatissima.

Interamente ambientata nel Capoluogo partenopeo, questa serie televisiva, tratta dai racconti di Maurizio De Giovanni, vede protagonista l’attrice Serena Rossi che lavora come assistente sociale in un consultorio. Ed è proprio il consultorio a essere stato ricostruito all’interno di Palazzo Sanfelice, un edificio settecentesco maestoso che si trova nel Rione Sanità. Era un palazzo privato, appartenuto all’architetto Ferdinando Sanfelice.

Dall’esterno sembra uno dei tanti palazzi d’epoca di cui è ricco il centro storico di Napoli con stucchi, ampie finestre e balconi. Palazzo Sanfelice al suo interno custodisce diversi cortili che fungono da scenografia, insieme alle scale. Sanfelice è stato, infatti, uno degli architetti più creativi del ‘700 napoletano, famoso soprattutto per i monumentali scaloni aperti. È stato un grande innovatore dell’architettura civile proprio per le forme dei cortili e delle scale, non più laterali e nascoste, ma poste di fronte all’ingresso e protagoniste assolute dei suoi edifici.

Il primo cortile è a pianta ottagonale e permette di accedere al vestibolo dove si possono ancora ammirare i resti di alcuni affreschi di stemmi nobiliari appartenuti ai proprietari. Nel cortile c’è una meravigliosa scala che ripercorre l’inclinazione delle pareti ottagonali. Il secondo cortile, invece, ha una pianta rettangolare e anch’esso ha una scala ad ali di falco, che fa da proscenio al giardino che si trova sul retro.

Le scale del palazzo con le rampe aperte permettono allo sguardo di oltrepassare verso gli archi rampanti, le volte e i giardini retrostanti: il risultato è uno straordinario effetto scenografico, introdotto dal portale con le originali soluzioni decorative delle sirene-cariatidi. Sulle scale dell’ingresso, inoltre, la copertura è stata fatta con pietra di lavagna: fu inserita dall’architetto in onore della moglie che era originaria dal paese di Lavagna, in Liguria.

Il primo cortile, con la sua famosa scala aperta, è molto iconico e la fiction “Mina Settembre” non è stata la prima ad averlo immortalato. Qui sono state girate alcune scene della terza serie di “Gomorra” e, in passato, è stato set del film “Piedone lo sbirro” con Bud Spencer (1973) e di “Questi fantasmi” (1954), la trasposizione cinematografica della commedia di Eduardo De Filippo.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)