Va precisato che ogni anno si registrano svariati focolai in allevamenti delle varie influenze aviarie. In Italia un focolaio di H5N8 è stato identificato di recente, a gennaio, in un allevamento a Lugo, in provincia di Ravenna, in due esemplari di gru coronate grigie, poi decedute a causa dell’infezione.

In Francia all’inizio di dicembre 2020 le autorità hanno abbattuto oltre 400 mila anatre. Alla fine del 2019, la Polonia ha segnalato il primo focolaio da virus H5N8 in un allevamento di tacchini da carne. Da quel momento in avanti sono stati registrati numerosi altri focolai in Europa, anche in Ungheria, Slovacchia, Romania e Repubblica Ceca e Ucraina.

L’influenza aviaria è una malattia altamente contagiosa dei volatili e principalmente colpisce gli uccelli selvatici. Solitamente questi ultimi non si ammalano, ma possono essere molto contagiosi per gli uccelli domestici quali polli, anatre, tacchini e altri animali da cortile.