Il nuovo modo di leggere Napoli

Campania in zona rossa da lunedì 8 marzo: chiusure, divieti e limitazioni previsti dal nuovo Dpcm

di / 0 Commenti / 605 Visite / 7 marzo, 2021

campania-zona-rossa-2Il nuovo Dpcm firmato dal premier Draghi è entrato in vigore il 6 marzo con misure e regole per contrastare la diffusione del coronavirus.

Se il contagio non dovesse frenare nell’arco di una settimana, potrebbero arrivare nuove restrizioni con criteri modificati. In particolare, la zona rossa potrebbe scattare automaticamente quando si verificano 250 casi covid ogni 100mila abitanti.

A partire da lunedì 8 marzo la Campania passa in zona rossa. Ecco quali sono i divieti e le limitazioni introdotte dall’ultimo Dpcm:

RESTA il coprifuoco dalle 22 alle 05; in tali orari ci si potrà muovere solo per esigenze di salute, lavorative o per rientrare al proprio domicilio. SONO VIETATI gli spostamenti da un comune all’altro e nello stesso comune tranne che per comprovate esigenze di salute.

CHIUSI cinema, teatri, parchi di divertimento, palestre, piscine, sale da ballo, discoteche, sale giochi e sale slot;
CHIUSE le scuole di ogni ordine e grado e le università;
SOSPESE tutte le attività sportive in ogni contesto (anche all’aperto), tranne se in forma individuale e tranne i massimi campionati professionistici o quelle per i tesserati agonisti, anche ragazzi;
VIETATE fiere, sagre, eventi, congressi di qualunque tipologia;
CHIUSI i musei, gli istituti e i luoghi di cultura (escluse le biblioteche);
CHIUSA la somministrazione al bancone e ai tavoli delle attività di ristorazione (bar, pizzerie e ristoranti) con possibilità di consegna a domicilio senza limiti di orario; dalle ore 5 alle ore 18 consentito l’asporto, ma con divieto di consumo sul posto o nelle adiacenze;
CHIUSI i centri commerciali tranne che per l’accesso ai punti vendita di alimentari, alle farmacie, parafarmacie, lavanderie e tintorie, edicole, tabaccai, fiorai e librerie presenti al loro interno;
CHIUSI posteggi e bancarelle non alimentari di tutti i mercati rionali (tranne quelli dei fioristi); consentito invece il commercio alimentare e il commercio al dettaglio in forma itinerante (al di fuori dei mercati) di beni alimentari e non alimentari essenziali.
CHIUSE le attività di servizio alla persona ad eccezione delle seguenti:
Lavanderia e pulitura di articoli tessili.
• Attività delle lavanderie industriali
• Altre lavanderie, tintorie
• Servizi di pompe funebri e attività connesse
CHIUSE le attività di commercio al dettaglio ad eccezione delle seguenti:
• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati,
supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari);
• Commercio al dettaglio di prodotti surgelati;
• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici;
• Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati, ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione;
• Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT);
• Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari;
• Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio;
• Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici;
• Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio;
• Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati;
• Commercio al dettaglio di biancheria personale;
• Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati;
• Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori;
• Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati(farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica);
• Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti;
• Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati;
• Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia;
• Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento;
• Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini;
• Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali;
• Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati;
• Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono;
• Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)