Il nuovo modo di leggere Napoli

Incidente bus Capri: deceduto l’autista 33enne, 28 feriti

di / 0 Commenti / 1236 Visite / 22 luglio, 2021

fb_img_1626964702767Emanuele Melillo, 33 anni, marito e padre di una bambina, in procinto di diventare nuovamente genitore. Queste le generalità dell’autista Atc deceduto nell’incidente avvenuto a Capri.

Secondo le prime ricostruzioni, il 33enne sarebbe stato colto da un infarto e ha perso il controllo del minibus Atc che, è precipitato nella zona di Marina Grande. A bordo del mezzo, più affollato del solito perché questa mattina la funicolare era chiusa, c’erano oltre dieci persone; si contano 28 feriti in totale, di cui 4 gravi, due dei quali trasportati a Napoli tra cui un bambino, che è stato ricoverato al Santobono per diverse fratture.

Il mezzo ha sfondato una ringhiera di ferro e fatto un volo di venti mentri. Il minibus si è schiantato in un canale a ridosso della tettoia del lido “Le ondine”. Nessu n feriti tra i bagnanti.

L’ASL Napoli 1 Centro  ha attivato, attraverso l’Unità Operativa Servizio 118 Napoli 1 e in sinergia con il
sindaco di Capri, il piano operativo per fronteggiare l’emergenza sanitaria venutasi a creare.

Con l’ausilio di due elicotteri, (Polizia di Stato e Guardia di Finanza) messi a disposizione tramite la Prefettura di Napoli, è stato trasferito personale sanitario e presidi medici necessari ad integrare
quanto già presente presso l’Ospedale Capilupi di Capri che è il primo riferimento per l’accoglienza dei feriti. All’elicottero del Servizio Regionale di Emergenza 118, abilitato al trasporto dei pazienti,
è stata affiancata un’ulteriore unità di elisoccorso con capacità tripla di trasporto feriti. Il decesso di una persona è stato accertato sul luogo dell’incidente. I pazienti trasportati presso il Pronto Soccorso
dell’Ospedale Capilupi (codici gialli e rossi) presentano politraumi a dinamica maggiore con fratture multiple dello scheletro in più distretti, sospette lesioni vascolari dei distretti toraco-addominali, policontusioni multiple, escoriazioni multiple, ferite lacero contuse multiple. I feriti registrati al PS
allo stato sono 28, dei quali 2 sono già stati trasferiti rispettivamente presso l’Ospedale del Mare e l’Ospedale Santobono. Altri due feriti sono attualmente assistiti in camera operatoria in attesa di trasferimento, altri stanno ricevendo cure e sono in fase di stabilizzazione emodinamica e assistenza
respiratoria, in attesa di trasferimento. Delle persone coinvolte nell’incidente 4 sono di nazionalità francesce e libanese. I pazienti che necessitano di essere trasferiti su Napoli, all’Ospedale del Mare, verranno spostati con l’ausilio dei due elicotteri del Servizio Regionale Emergenza 118 Napoli 1.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)