Lamont Marcell Jacobs scrive un altro capitolo di storia dell’atletica italiana a Tokyo. Il velocista italiano batte il record nazionale dei 100 metri piani, abbassando di un centesimo il suo stesso miglior tempo. Il classe ’94 ferma il cronometro a 9”94, dominando la propria batteria. Passa in semifinale anche l’altro italiano Filippo Tortu, quarto di batteria in 10”10 ma ripescato. Domani dalle 12.15 le sfide per entrare in finale.

“L’obiettivo era di correre bene e chiudere in prima posizione, per avere una buona corsia domani, ma non mi aspettavo questo tempo, perché ho fatto più fatica del solito”. Così Marcell Jacobs dopo aver vinto la sua batteria dei 100 metri in 9″94, nuovo record italiano. “Le condizioni sono ottime, non vedo l’ora che sia domani, è da una vita che sto sognando questo momento – dice ancora – Gli avversari? De Grasse non sbaglia un colpo, è sempre andato a medaglia dal 2015 a ora, ma domani ce la giochiamo. Questa atmosfera mi dà una carica in più, e l’obiettivo di domani è migliorare: per andare in finale bisognerà andare forte”.