Il nuovo modo di leggere Napoli

Covid, 5 regioni rischiano la zona gialla: ecco quali e perchè

di / 0 Commenti / 231 Visite / 31 luglio, 2021

covid-estate-2021-spiaggeLa variante Delta continua ad incombere sull’Italia e il passaggio di alcune regioni in zona gialla appare un’ipotesi ogni giorno sempre più plausibile, alla luce del crescente aumento dei contagi e del numero dei ricoveri ospedalieri causati da Covid-19.

Seppure l’intero stivale sia ancora tinto di bianco, l’ombra della zona gialla incombe su alcune regioni. L’aumento dei casi da Covid-19, sembrerebbe alimentare le preoccupazioni del Governo di Mario Draghi, il quale starebbe lavorando ad una strategia per attuare interventi tempestivi e provvedimenti efficaci per tempo.

Preoccupano in particolari i dati diffusi da alcune Regioni, in merito all’attuale situazione da Covid-19, dove si assiste ad un incremento dei posti letto occupati (ordinari e di terapia intensiva); dunque secondo gli esperti, il rischio è quello di assistere al ritorno in zona gialla per alcuni territori, già a partire da metà agosto.

Secondo i nuovi parametri, le Regioni che al momento potrebbero rischiare di tingersi di giallo nelle prossime settimane, potrebbero essere Sicilia, Sardegna, Lazio, Campania e Calabria.

L’ipotesi zona gialla in queste Regioni è resa sempre più possibilmente concreta dal crescente numero di ricoveri. La Sicilia in particolare è la Regione più a rischio, avendo registrato un 8% di ricoveri in area medica e un 5% di ricoveri in terapia intensiva. La Sardegna ha superato la soglia del 4% dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Preoccupa anche il Lazio, che ha registrato il 4% di ricoveri in area medica e poco meno di questa percentuale di ricoveri in rianimazione.

Campania e Calabria non presentano una situazione preoccupante in merito ai dati della diffusione del contagio, mentre a destare maggiore preoccupazione sono i numeri relativi ai ricoveri; in Campania i ricoveri hanno raggiunto quasi la percentuale del 5%, mentre in Calabria i posti in area medica sono occupati per più del 6% e per oltre il 3% in terapia intensiva.

Secondo quanto stabiliscono i nuovi parametri di controllo del rischio infatti, le soglie limite relativamente all’incremento dei ricoveri, sono stabilite al 15% dei posti letto occupati in area medica e al 10% in terapia intensiva.

Non resta dunque che attendere i monitoraggi delle prossime settimane, per capire quale sarà il destino delle specifiche Regioni d’Italia, che al momento potenzialmente rischiano un passaggio in zona gialla.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)