Guerra in Ucraina: giocattoli pieni di esplosivo per uccidere anche i bambini

giocattoli-bomba“Attenzione! Nella regione di Sumy gli aerei russi disperdono giocattoli per bambini, telefoni cellulari e oggetti di valore pieni di esplosivo”. E’ l’allarme lanciato su Twitter dal parlamento ucraino, la Verchovna Rada.

ADVERTISEMENT

Notizie sempre più drammatiche giungono dall’Ucraina dove l’esercito russo non sta risparmiando nemmeno i bambini.

Si è diffusa rapidamente la notizia dell’attacco da parte dell’esercito russo all’ospedale oncologico pediatrico ‘Okhmadyt’, che ha provocato la morte di un bambino e il ferimento di altri due, più altrettanti adulti. A divulgare la notizia il Kyiv Independent, citando la tv Tsn. Secondo testimoni oculari citati dal giornale, in città si starebbe assistendo ad una continua pioggia di razzi, da diversi fronti: i russi, infatti, si starebbero servendo di avanzati sistemi missilistici a lancio multiplo.

A Dnipro, sudest del Paese, un rifugio antiaereo è stato trasformato in una terapia intensiva di fortuna per neonati. I piccoli vi sono stati portati dalle infermiere dell’ospedale pediatrico della città. Restare tra le corsie è troppo pericoloso, con i carri armati russi che assaltano la capitale Kiev e i soldati ucraini che cercano di resistere. Le stesse infermiere si danno il cambio per assistere i bimbi, perché i macchinari sono rimasti in ospedale e a disposizione ci sono solo i respiratori manuali. “Questa è la terapia intensiva neonatale. In un rifugio antiaereo. Potete immaginarlo?”, diceva in video del 24 febbraio il dottor Denis Surkov, primario dell’unità neonatale al Dnipropetrovsk Oblast Children’s Clinical Hospital. I medicinali cominciano a scarseggiare.

Fuori dai bunker, anche i giocattoli sono pericolosi. Il ministero della Difesa ucraino lo ha denunciato su Twitter: “Gli aerei russi disperdono giocattoli per bambini, telefoni cellulari e oggetti di valore pieni di esplosivo”. Così gli ucraini cercano rifugio e protezione nei bunker sotterranei.

ADVERTISEMENT
Succ.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli