Il nuovo modo di leggere Napoli

Napoli: il giorno della terza maglia e di David Lopez

di / 0 Commenti / 44 Visite / 11 settembre, 2014

10574526_542746565855597_6087680039095854986_nMattinata densa di avvenimenti a Castel Volturno, dove gli azzurri, già da ieri sono tornati ad allenarsi sotto il vigile ed accorto sguardo di mister Benitez, di ritorno dalle tanto chiacchierate vacanze in famiglia.

Stamattina, infatti, è stata presentata la nuova maglia del Napoli, un’innovativa ed insolita divisa di Jeans: “La nuova maglia debutterà già domenica in Napoli-Chievo. – Ha spiegato Alessandro Formiamo – Abbiamo scelto lo stile jeans poiché è uno stile vicino a tutti e che può avvicinare ulteriormente la gente allo stadio. La nuova maglia è disponibile nei negozi e sul Web Store a partire da domattina”.

De Guzman, David Lopez e Lorenzo Insigne erano i modelli d’eccezione che hanno indossato la nuova e stravagante maglia e che con orgoglio e disinvoltura hanno posato davanti ai fotografi presenti.

Ma è stato, anche e soprattutto, il giorno in cui è avvenuta la presentazione ufficiale dell’ultimo acquisto azzurro, David Lopez.

Queste, in sintesi, le dichiarazioni rilasciate dal centrocampista azzurro:“Non avevo mai visto una maglia disegnata così e devo dire che mi piace molto. Sarà sicuramente molto complicato conquistare un posto da titolare, il Napoli è una grande squadra che l’anno scorso ha vinto la Coppa Italia e fatto bene in Champions. Non mi pongo limiti, lavorerò tanti per guadagnarmi un posto in squadra. Prima di venire avevo già parlato con il mister e già sicuramente sa cosa vuole da me. Sono un giocatore che dovrà operare da collegamento tra difesa ed attacco. Dovrò uscire palla al piede con giocate semplici. Come ho detto prima Benitez prima di firmare, mi ha chiesto delle cose ben precise. Non ci ho pensato due volte ad accettare il Napoli”.

Modelli di riferimento: “Mi ispiro a Busquets e Xabi Alonso che in particolare giocano nella Spagna nella mia stessa posizione. Se sono pronto? Fisicamente sto bene, sono perfettamente pronto per poter giocare. Non c’è nessun problema, posso giocare anche ogni tre giorni. Ho lavorato tanto per essere questi livelli.”

Il caso Mascherano: “I tifosi sognavano Mascherano? Li capisco perfettamente, cercherò di dimostrare in campo le mia qualità. Lascerò giudicare ai tifosi. Questa è una cosa che mi stimola a fare bene.”

Impossibile non chiedergli di commentare l’assedio mediatico al quale è stato sottoposto il suo profilo Twitter non appena venne ufficializzato il suo passaggio al Napoli, per effetto della copiosa valanga di insulti postati dagli stessi supporter partenopei: “Non ho ricevuto solo messaggi negativi su Twitter, ora ho avuto anche messaggi carini. In merito ai messaggi negativi non mi dispiace perché la gente non mi conosce e la comprendo.”

Ruolo: Già prima di parlare con Benitez avevo visto già tante partite del Napoli, non ho particolari problemi a giocare in posizioni diverse. Il colpo di testa è sicuramente una delle mie qualità migliori, aiuterò la squadra sulle palle alte.”

Scudetto: Capisco perfettamente che quest’anno sia una stagione molto importante, noi penseremo a partita dopo partita. Farò di tutto per aiutare la squadra ad arrivare all’obiettivo. L’Europa League è una competizione importante, guardiamo avanti.”

“L’effetto San Paolo”: So che è uno stadio veramente bello, lo conoscerò da vicino a breve. I miei compagni mi hanno parlato delle emozioni che ti trasmette”.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)