Il nuovo modo di leggere Napoli

Serie A, Antonini gela la Juventus e la Roma la riaggancia mentre un Napoli sprecone impatta a Bergamo;

di / 0 Commenti / 37 Visite / 31 ottobre, 2014

imagesG5ARX0AZTurno infrasettimanale per la Serie A. La vera notizia della giornata è lo stop della Juventus che sullo scadere del match perde contro il Genoa per mano di una vecchia conoscenza di Massimiliano Allegri. Molti pareggi e poche emozioni per un campionato che stenta a decollare.

Il mercoledì di solito è riservato ai leoni; il detto, però, non si addice molto al calcio italiano poichè ogni volta che c’è il turno infrasettimanale si vedono molte partite scialbe e prive di pathos. Tuttavia, non sono mancati gli spunti come non possono mancare le ciacchiere da bar. La notizia regina, per la disperazione di molti tifosi, è sicuramente la sconfitta della Juventus per mano del Genoa. La squadra allenata da Massimiliano Allegri ha dato vita ad un vero e proprio infruttuoso forcing e quando i giochi erano praticamente finiti, sul più bello ma soprattutto quando in tutti i bianconeri c’era la convinzione di poter mantentere almeno un punto di vantaggio sui rivali della Roma, ci ha pensato Luca Antonini a risolvere la pratica con un gol che ha scatenato i milioni di tifosi, non solo liguri. L’Italia mai come in questo caso, forse, è stata unita.

Dall’Olimpico tutti, invece, hanno teso un orecchio al Marassi, mentre la Roma sbrigava la pratica Cesena realizzando un gol per tempo. La partita non ha avuto molto anche perchè per i giallorossi era vietato sbagliare nuovamente. Sugli altri campi, nel frattempo, le partite si sono sbloccate lentamente; La Fiorentina è tornata alla vittoria contro l’Udinese, risalendo così la classifica; la squadra allenata da Montella ha espresso davvero un bel gioco e ha macinato azioni su azioni con estrema semplicità fino a sbloccare le marcature sullo scadere del primo tempo, poi la ripresa è stata tutta in discesa per i viola che hanno chiuso il match con un secco 3-0. Molta attesa anche attorno Atalanta-Napoli. Dopo il devastante 6-2 degli uomini di Benitez ai danni dell’Hellas Verona, tutti i tifosi azzurri si aspettavano l’ennesimo match di tennis, restando però delusi; a molte persone bisognerebbe spiegare un pò le regole del calcio e anche che la vita non è piatta e fare in una partita 6 gol non vuol dire ripetersi sicuramente dopo 3 giorni. L’unica cosa certa della sfida di Bergamo è lo spreco del Napoli sotto porta, emblematico è stato il gol divorato da Callejon ad un passo dalla porta sguarnita e come se non bastasse, l’erroraccio in poche ore ha fatto il giro dei web ed è diventato uno dei video più cliccati. La ciliegina sulla torta resta l’ennesimo errore dal dischetto per il Napoli, in tal caso si potrebbe firmare una petizione affinche Aurelio De Laurentiis non compri un top player ma uno che riesca a mettere in rete un penalty, poichè il Napoli è da anni che non ha un vero e proprio rigorista e realizzare una rete su rigore talvolta ti regala i 3 punti o magari 6 in due partite, come nel caso dell’Inter che dopo aver battuto il Cesena grazie ad un tiro dal dischetto, si è ripetuta contro la Sampdoria dopo non aver giocato a calcio. La squadra allenata da Mazzarri in questo momento sta ottenendo il massimo risultato con il minimo sforzo e questi punti per il prosieguo del campionato possono rivelarsi davvero pesanti. L’altra milanese sorride a metà, anzi in questo caso dovrebbe essere davvero felice poichè contro il Cagliari di Zeman il Milan ha rischiato grosso, giocando male e rischiando più volte di subire gol per disattenzioni anche perchè gli isolani erano in una partita di grazia e si sà, quando le squadre allenato dal tecnico boemo sono in giornata positiva, sono dolori per chiunque. Filippo Inzaghi, però, può sorridere perchè il Milan è lì e il pareggio potrebbe rivelarsi importante in futuro. Da annoverare l’ennesima sconfitta del Parma, questa volta, per mano del Torino. La situazione per gli uomini di Donadoni si sta mettendo davvero male; la squadra sembra incapace di reagire e di risollevare la testa; se il Parma vuole salvarsi deve rientrare al più presto sui binari e macinare punti altrimenti può incappare in un vortice dal quale sarebbe poi impossibile uscire. Le altre partite hanno regalato 3 punti pesantissimi del Sassuolo sull’Empoli e del Palermo sul Chievo Verona mentre la Lazio impatta contro l’Hellas Verona dell’intramontabile Luca Toni.

Giusto una giornata di riposo e poi domani sarà di nuovo Serie A, con il match clou tra Napoli e Roma, per una partita che avrebbe tanto da raccontare non solo per il calcio ma anche per la vita. il dono più grande che un tifoso, e non solo, può avere.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)