Il nuovo modo di leggere Napoli
video

“Libertà”: una perla di “Terra mia”

by / 0 Comments / 611 View / 22 gennaio, 2015

ga_1323854517_Terra_miaRetroChiove ‘ncoppa a ‘sti palazze scure

‘Ncoppa ‘e mure fracete d’a casa mia

Tutt’attuorno l’aria addora ‘e ‘nfuso

Chi song’io Ce cammine ‘mmiezo ‘a via

Parlanno ‘e libertà

Stà durmenno senza tiempo

‘Nu ricordo ca nun penzo cchiù

Ma che succede io sto’ chiagnenno

Penzanno a ‘o tiempo ca se ne va

E cammine ‘mmiezo ‘a via

Parlanno ‘e libertà.

 

Questi versi nascono nel 1977 dal cuore, dalla voce e dalla chitarra di Pino Daniele.

Era l’anno del primo album, “Terra mia”.

La prima canzone scalfita dalla puntina del giradischi è “Napule è”.

L’ultima, la numero 13, “Libertà”, ovvero, questi versi, probabilmente nati nel corso di una giornata grigia e malinconica, proprio come quella odierna, in cui la pioggia sembra accanirsi su questi “palazzi scuri”, arrivando a minacciare perfino le mura delle nostre stanze.

E non solo quelle impastate di cemento, ma soprattutto quelle che sorreggono i nostri più o meno ambiziosi sogni e custodiscono ricordi, sentimenti ed emozioni.

È più facile di quanto si possa immaginare, lasciare annegare in una lacrima quel concerto di nostalgici e malinconici pensieri nei quali la mente, i sensi e l’anima, possono prevedibilmente rimanere arenati, in una giornata come quella di oggi, come quella di quel giorno di “Libertà” nel lontano, ma tutt’altro che distante, 1977.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)