Il nuovo modo di leggere Napoli

È il giorno di “Miracolo”: il nuovo album di Clementino

di / 0 Commenti / 114 Visite / 28 aprile, 2015

121120374-a0b968ec-d414-4236-914b-8e44582084c8Il giorno del tanto atteso “Miracolo” è giunto.

“Sfornato” l’ultimo ed attesissimo lavoro discografico di Clemente Maccaro, la “Iena White”, più popolarmente noto con il nome di “Clementino”, il rapper classe 1982, nato ad Avellino il 21 dicembre e Cresciuto a Cimitile di Nola, nonché uno dei più originali freestyler italiani.

Clementino non è solo un sagace ed infallibile vulcano spararime che abilmente rimbalzano tra l’inglese e il napoletano. E il suo “Miracolo” lo conferma.

Un titolo che, di per sé – come lo stesso rapper ha dichiarato nel corso di un’intervista – rimarca il forte senso di appartenenza alla sua terra e ne omaggia e rimarca le origini partenopee.

“Il miracolo di Troisi”, quello che brillantemente anima la scena iniziale di “Ricomincio da tre”; il miracolo di San Gennaro, quello che personifica tradizione, passione, sentimento ed essenza della più antica e conservatrice espressione della napoletanità.

Un album disponibile in due versioni: due dischi che propongono “Clementino in tutte le salse” e sottolineano la versatilità di un artista variegato e poliedrico, abile non solo nel calzare il berretto al contrario e i jeans larghi confacenti al rap, ma capace di nuotare in diversi stili tra diversi stili, vestendo molteplici e mai banali abiti, senza svilire la naturale eleganza del suo estro.

Un album che, in una dei due cd, celebra le sue radici grazie a molteplici featuring “di lusso”, a cavallo tra il sound napoletano e il pop italiano, mentre nell’altro omaggia il “sangue rap” insieme ai cultori del genere, dai “fratelli partenopei” alle personalità più autorevoli della scena rap e hip hop italiana.

Un disco atteso soprattutto perché gelosamente custodisce l’ultimo inciso di Pino Daniele.

Lo stesso Clementino, visibilmente emozionato, ha raccontato la nascita e il valore assunto da questa autentica perla: “Io e Pino ci siamo incontrati al Music Summer Festival, l’estate di due anni fa. Abbiamo parlato di musica, di Napoli, di calcio e poi ci siamo promessi di registrare un pezzo insieme, un brano contro la guerra che avevo inciso poco tempo prima. Pino poi aveva voluto anche scrivere la sceneggiatura del video, che avremmo dovuto girare nel deserto, in Marocco, ma non c’è stato tempo. Ma mi ha fatto un regalo enorme. Quel pezzo è l’orgoglio della mia vita”. La canzone si intitola Da che parte stai?

Un doppio album che è una folgorante miscela di hip hop e funk, di pop e reggae, neomelodico e dialetto, italiano e inglese, con altri ospiti illustri come James Senese, Marracash, Salmo, Fabri Fibra, Mama Marjas e Rocco Hunt. “La somma di tutto quello che sono. Che non è solo rap“. Ha appunto affermato Clementino.

Intanto, tramite i social, il rapper ha comunicato solo la prima data del tour che si terrà il 26 giugno al Carroponte di Milano, mentre le altre dieci date verranno confermate nei prossimi giorni.

Durante il “Miracolo! Tour” Clementino calcherà il palco con il dj italiano Tayone, oltre a numerosi ospiti diversi da città a città.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)