Il nuovo modo di leggere Napoli

Notte dei musei: sabato sera napoletano all’insegna della cultura

di / 0 Commenti / 121 Visite / 16 maggio, 2015

Notte-dei-Musei-2015-musei-statali-ad-1-euro1-640x400La movida napoletana di questo sabato sera è all’insegna della cultura. Musei aperti in città dalle 20.00 allle 24.00, al costo di 1 euro, nella notte di sabato 16 maggio.

Il Ministero dei Beni Culturali, in occasione della Notte dei Musei, offre agli amanti dell’arte l’opportunità di visitare a basso costo luoghi incantevoli del patrimonio culturale partenopeo.

L’iniziativa interesserà anche le aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Oplontis,e l’Antiquarium di Boscoreale. I cittadini napoletani potranno trascorrere una notte in luoghi inconsueti. A Capodimonte, in occasione della manifestazione, un percorso narrato con interludio musicale del coro I Vandalia,  diretto dal maestro Lucio Maria Lo Gatto, accompagnerà i visitatori nella scoperta della celeberrima Collezione Farnese.

Suggestive anche le installazioni create da artisti contemporanei collocate sulla Piazza d’armi, di Castel S.Elmo. Dalle ore 20.30 e alle ore 22.00, sarà possibile ammirare qui l’opera di Gian Maria Tosatti, My dreams, they’ll never surrender, vincitrice della III edizione del concorso “Un’opera per il Castello”, nella zona del Ponte levatoio.

Esperienza singolare invece, la scoperta dell’affascinante Sezione Navale della Certosa e Museo di San Martino, resoconto e testimonianza delle attività della marineria borbonica e post-unitaria. Nella Notte Europea dei Musei”, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, si percorrono nuovi percorsi  alla scoperta dei Capolavori del Duca– Vaso Mei-ping. Presso il museo Duca di Martina, tre visite guidate alle ore 20.30, 21.30, 22.30, faranno conoscere la storia della collezione di porcellana, appartenuta a  Placido de Sangro, duca di Martina, da cui nasce l’omonimo museo.

Il Museo Pignatelli apre le porte alle sue carrozze. Ammirabili trentaquattro esemplari di carrozze e calessi di produzione francese, inglese e italiana raggruppati per tipologie, con una nuova sezione di finimenti in cuoio, morsi, fruste, bardature e oggetti di vario tipo destinati alla cura del cavallo, che vanno dagli apribocca ai pettini per criniera, ai bruciapeli, alle scarpe copri zoccolo.

Questa sera si esce a caccia di bellezza a costo quasi zero. L’arte diventa protagonista e la città di Napoli si offre in tutta la sua magnificenza ai curiosi che intendono ammirarla.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)