Il nuovo modo di leggere Napoli

L’annuncio di De Laurentiis scuote Napoli

di / 0 Commenti / 23 Visite / 27 maggio, 2015

PRESENAZIONE-BENITEZ-FOTOCUOM-11Da bravo produttore cinematografico il presidente Aurelio De Laurentiis sa come far parlare di sé e come accrescere curiosità intorno al circo mediatico del mondo del calcio, nonché tra la gente comune, soprattutto tra i tantissimi tifosi azzurri. E ieri in un’intervista ha dichiarato: “tra un giorno, massimo un giorno e mezzo ci saranno importanti novità”.

Quali sono queste importanti novità? Tra giornalisti, addetti ai lavori, tifosi è impazzato il Toto-scommesse: chi ha subito pensato all’annuncio di Pepe Reina, in procinto di rivestire la casacca azzurra, chi ha ragionato sull’annuncio del nuovo allenatore e chi più realista ha pensato si potesse trattare dell’addio di Rafa Benitez.

Poche ore dopo, sul sito ufficiale del Napoli calcio è apparso un comunicato che annunciava una conferenza stampa congiunta, nella data di domani, di Aurelio De Laurentiis e Benitez nel centro sportivo di Castel Volturno. A questo punto sono due le strade possibili: verrà effettivamente annunciato il divorzio? O clamorosamente verrà dichiarata la continuazione del rapporto di lavoro? Più probabile la prima, decisamente difficile la seconda.

A questo punto sorge una considerazione, che molti tifosi si stanno facendo in queste ore: qualora dovesse essere ufficializzata la fine del binomio Benitez-Napoli, ha senso farlo proprio ora? A pochi giorni da una sfida delicatissima come quella contro la Lazio? Ha senso rischiare di destabilizzare uno spogliatoio che necessita di assoluta concentrazione? Per giunta dando una notizia che non avrebbe del clamoroso? Sicuramente, qualora dovesse essere confermata questa tesi, le domande saranno poste al presidente dei partenopei.

L’ambiente napoletano è abbastanza scosso, quindi, e non per la cosa in sé – come sappiamo il nome del nuovo allenatore sta girando da un po’ di tempo e non si tratterebbe quindi niente di nuovo per i tifosi azzurri – ma per la tempistica, decisamente sbagliata. Nella speranza che la conferenza tiri fuori notizie più liete, non ci resta che attendere le 13 di domani per sapere tutta la verità.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)