Il nuovo modo di leggere Napoli

Penisola Sorrentina, baby-corrieri al servizio del contrabbando

di / 0 Commenti / 94 Visite / 25 settembre, 2015

Corrieri minorenni penisola sorrentinaUna fitta rete di spaccio di droga era stata organizzata lungo la penisola Sorrentina da alcuni uomini, rei di aver contrabbandato droga e sfruttato giovani minorenni per lo smercio di varie sostanze.

Le indagini eseguite dalla dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, in collaborazione con la Procura di Torre Annunziata (Napoli) e con la tenenza di Massa Lubrense, hanno portato all’emissione di diverse condanne nei confronti di tredici uomini: agli arresti domiciliari sono finiti Mario Di Riso, 23 anni di Castellammare, e Antonio Ercolano, 22 anni di Massa Lubrense con le accuse di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, mentre hanno ricevuto il divieto di dimora nelle province di Napoli e Salerno Liberato Cioffi, 23 anni, e Augusto Prestileo, 20 anni; in più nove persone sono state denunciate, all’epoca dei fatti tutte minorenni.

Alessandro Pennasilico, procuratore di Torre Annunziata, ha dichiarato: ”Le attività svolte hanno consentito di accertare decine di episodi di spaccio e detenzione di stupefacente da parte dei soggetti destinatari dell’ordinanza. Nel corso dei numerosi riscontri investigativi, i finanzieri hanno più volte sequestrato a ragazzi della penisola sorrentina, a volte giovanissimi, diversi quantitativi di hashish e marijuana”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)