Il nuovo modo di leggere Napoli

Medici imbavagliati per denunciare assenza di dialogo con commissario governo

di / 0 Commenti / 93 Visite / 30 giugno, 2016

20160630_115843_1467294395345_resizedSi sono presentati imbavagliati i leader regionali delle principali single sindacali della Sanità nel denunciare l’assenza di un dialogo con la struttura commissariale di Governo.

Ospiti dell’Anaao Assomed, i medici hanno usato parole molto dure. «Forse credono – ha detto il padrone di casa Bruno Zuccarelli – che la nostra regione sia fatta solo di camorristi e di affaristi. Forse non accettano di parlare con noi per questa ragione». Il leader regionale dell’Anaao, facendosi portavoce del pensiero comune, ha aspramente criticato il piano ospedaliero e la politica portata avanti sai commissari. «Si fanno solo chiacchiere – ha accusato Zuccarelli -, queste persone sono qui da sei mesi ormai e non hanno fatto nulla di concreto».

Tra le criticità anche quella dei precari. «La Campania – dicono i medici – si è fatta scavalcare da Lazio, Calabra e Sicilia. In regione ci sono infatti 1.200 medici mai stabilizzati, alcuni dei quali hanno oramai quasi 60 e sono precari da 10. Casi limite anche quelli del salernitano, dove si «lascia il territorio senza presidii se non a Salerno città»; poi Procida con 15.000 abitanti per i quali ci sarà poco più che una guardia medica. E poi i posti letto. In tutta la Napoli 3 Sud, 1milione 500mila utenti, sono stati previsti 2.200 posti; nella Napoli 1 con la stessa utenza sono stati previsti 6.600 posti. Tra le richieste, quella più forte è indirizzata alla politica affinché venga nominato subito un assessore alla Sanità.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)