Il nuovo modo di leggere Napoli

Attentato a Monaco: almeno tre morti

di / 0 Commenti / 108 Visite / 22 luglio, 2016

estratto dal video amatoriale della sparatoria

estratto dal video amatoriale della sparatoria

Momenti di profondo terrore e pressione, caos e paura a Monaco, dove poche ore fa alcuni colpi d’arma sono stati sparati sulle persone fuori un noto centro commerciale.

L’attentato è avvenuto verso le 17,50 all’esterno del centro commerciale Olympia, uno dei più grandi della zona, nel quartiere Mossach. Uno degli attentatori, come è possibile vedere in uno dei video amatoriali diffusi sulla rete, esce come se nulla fosse da un McDonald, impugnando una pistola con la quale inizia a far fuoco sulle persone, scatenando il panico in tutto il centro commerciale.

Attualmente il numero delle vittime non è stato ancora stabilito, si parla di almeno 15 corpi stesi a terra di cui almeno tre privi di vita, anche se alcune fonti riportano che i morti siano in realtà sei.

I negozianti del centro commerciale hanno immediatamente abbassato le saracinesche, chiudendosi all’interno insieme ai clienti, aspettando che il pericolo passasse. Sul posto si sono recate velocemente le unità speciali della polizia, dei pompieri  e le ambulanze, che hanno evacuato la zona circostante il centro commerciale.

“La polizia è molto nervosa, gruppi di 10-12 poliziotti pattugliano la zona dove è avvenuta la sparatoria e si muovono armi alla mano in tutte le direzioni”

Ha dichiarato un reporter della tv pubblica bavarese Br che si trovava sul luogo, di fatti le possibilità che l’attentatore si trovasse ancora all’interno del centro commerciale erano alte.  È stato diramato anche un’annuncio che invita i cittadini ad evitare le piazze e le metropolitane.

La polizia intanto ha  organizzato un’operazione per stanare gli attentatori, di cui il numero ancora non è certo, anche se alcuni testimoni oculari avrebbero parlato di tre uomini che risulterebbero ancora in fuga.

Per ora non si parla ancora di un attentato terroristico in quanto non c’è stata alcuna rivendicazione, ma si parla di “Amoklauf”, termine che indica una furia omicida.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)