Il nuovo modo di leggere Napoli

We-Vibe 4 plus, il vibratore a rischio hacker

di / 0 Commenti / 211 Visite / 22 agosto, 2016

wevIl We-Vibe 4 plus è uno dei  sex-toys “di ultima generazione” venduti dalla casa produttrice canadese Standard Innovation Corporation.

Questo particolare vibratore ha la peculiarità di poter essere utilizzato a distanza di chilometri attraverso un’ App scaricabile sui propri smartphone, tramite cui si può decidere l’intensità e la velocità delle vibrazioni del We-Vibe e creare anche delle playlist personali che le alternino. Una caratteristica senz’altro innovativa e apprezzata dalle coppie, aggiungendo quel intrigante pizzico di pepe in più alle relazioni intime a distanza. Il prodotto ha avuto subito successo tra le coppie, a dimostrarlo le 2 milioni di vendite registrate dall’azienda canadese.

Ma questo “giocattolino” presenta anche dei rischi per l’intimità sessuale, a parlarne sono i due hacker indipendenti neozelandesi Goldfisk e Follower, i quali hanno presentato con una ricerca intitolata “Breaking the Internet of Vibrating Things”  le vulnerabilità del We-Vibe al pubblico del Def Con 24 di Las Vegas.

I due hacker hanno parlato di come, attraverso l’utilizzo dell’App, la Standard Innovation Corporation venga in possesso di numerose informazioni personali. Non si parlerebbe  solo del nome, cognome o numero di telefono, ma di informazioni riguardanti anche l’ambito sessuale, come ad esempio le variazioni delle vibrazioni, l’intensità, l’utilizzo e persino la temperatura raggiunta dal corpo durante l’uso.

Dal canto suo, l’azienda si è difesa dichiarando che le informazioni vengono raccolte per effettuare ricerche di mercato e in alcun modo sono diffuse all’esterno dell’azienda stessa. Nonostante ciò, resta sempre il rischio che queste informazioni strettamente riservate finiscano nelle mani sbagliate ed usate impropriamente. Informazioni simili potrebbero essere utilizzate, ad esempio, per danneggiare le persone o per effettuare tentativi di estorsione. Chiaramente un rischio non da poco, ma resta ora da scoprire se alla luce di queste nuove notizie le coppiette distoglieranno l’attenzione dall’utilizzo del We-Vibe, oppure preferiranno correre il rischio di esporre la propria intimità in cambio di qualche attimo più piccante col proprio partner.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)