Il nuovo modo di leggere Napoli

Molfetta: sei giovani gambizzati dopo una lite

di / 0 Commenti / 64 Visite / 6 settembre, 2016

WEBREN2U5912-kENG-U1090477197598ZhG-1024x576@LaStampa.it

Un gruppo di giovani baresi, legati alla criminalità organizzata, dopo una discussione in un locale è tornata armata e ha ferito alle gambe sei persone, tra cui due ragazze.

La vicenda avrebbe avuto inizio intorno alle ore 3 di domenica scorsa, quando da una discussione in un locale della movida tra Molfetta e Giovinazzo, tra un gruppo di giovani di Molfetta e un altro di Bari, per uno sguardo di troppo nei confronti di una ragazza, forse anche un contatto, la lite è sfociata in veri e propri attimi di paura, finendo con la gambizzazione di quattro ragazzi e due ragazze.

I ragazzi baresi erano in cinque, tre dei quali noti alle forze dell’ordine per essere attivi nella criminalità del quartiere Libertà. A fare in modo che la lite nella discoteca non degenerasse immediatamente sono stati i carabinieri di Molfetta, che tuttavia non sono riusciti a impedire del tutto che le cose volgessero per il peggio.

La discussione, tra il gruppo di giovani del luogo e i baresi, è iniziata altrove, in un locale della città a Nord di Bari. Questi ultimi, una volta andati via dal locale, sono successivamente ritornati in zona armati, e appena hanno ritrovato il gruppetto di molfettesi sulla banchina San Domenico hanno sparato alcuni colpi di pistola colpendoli alle gambe.

Nello specifico si tratta di due ragazze di 16 anni e quattro ragazzi tra i 16 e i 20 anni. I malviventi sono fuggiti a bordo di una Peugeot 207 di colore grigio, la stessa che era parcheggiata poco prima davanti alla discoteca. La loro fuga è finita alle 6, quando una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Bari, ha rintracciato i cinque nei pressi dell’abitazione di uno di loro.

Bartoli e Pisani devono adesso rispondere di tentato omicidio aggravato , porto abusivo di arma da fuoco e rissa. Sono stati rinchiusi in carcere in attesa della convalida del fermo. Per gli altri tre proseguono le indagini dei carabinieri per stabilire il loro ruolo nella vicenda.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)