Il nuovo modo di leggere Napoli

Barra-Storie di (stra)ordinario degrado urbano: la fogna a cielo aperto di via Mastellone

di / 0 Commenti / 355 Visite / 27 marzo, 2017

17393017_1279440562138278_380098012_n Via Mastellone è una della strade più trafficate della periferia orientale di Napoli:  una massiccia lingua d’asfalto che congiunge i quartieri Ponticelli e Barra. 17439743_1279440448804956_2021618841_n

Due strisce d’asfalto che costeggiano capannoni, il cimitero di Barra e terreni più o meno incolti, su un versante, attività commerciali ed edifici, sull’altro.

Una strada non particolarmente ben tenuta in termini di manutenzione ordinaria: nulla di clamoroso. Niente di più e niente di meno di una delle tante strade percorribili in periferia.

Di recente, però, in via Mastellone, si sta verificando un episodio che sta suscitando non poca ira e disappunto da parte dei residenti in zona, non solo per le sgradevoli esalazioni che sono costretti a respirare.

17440118_1279440498804951_1658474685_n

17474772_1279726548776346_1695784341_n La fuoriuscita di liquame da un tombino, capace di generare un’autentica fogna  a cielo aperto: le immagini, meglio delle parole, evidenziano i disagi arrecati da questo 17474967_1279727398776261_2060345789_nstato di cose e che rendendo, di fatto, tutt’altro che agevole il transito in quella zona, oltre ad indurire sensibilmente la vivibilità.

17474818_1279726778776323_1338942885_n

Guardando le immagini, si potrebbe presumere che si tratta di una strada fotografata dopo un temporale. Invece no, osservando attentamente le foto, si nota che la striscia di liquido fecale viene “propagata” dal transito delle auto che non hanno altra alternativa che percorrere ed attraversare quella pozza di liquame, contribuendone, involontariamente, all’estensione.

17439674_1279440588804942_904646023_n

Una fogna a cielo aperto che stanzia a pochi metri dall’Istituto Comprensivo “Rodinò” che legittima la presenza di tanti bambini in quella sede, obbligati quotidianamente a percorrere questa strada: una delle tante strade di periferia che c’insegna come e quanto ci stiamo abituando al degrado.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)