Il nuovo modo di leggere Napoli

Le spiagge più belle della Costiera Sorrentina

di / 0 Commenti / 197 Visite / 17 luglio, 2019

4Anche quest’estate, la Costiera Sorrentina si conferma meta amatissima dai turisti e dai campani in cerca di refrigerio e di giornate da trascorrere all’insegna del mare e del relax, senza disdegnare di gustare dell’ottimo cibo.

Una costa che propone tantissimi luoghi d’attrazione, dove svagarsi e rilassarsi, tra spiagge sabbiose e rocciose, alla scoperta di paesaggi naturali davvero mozzafiato. Le spiagge a Sorrento sono piccole e nei mesi estivi molto affollate. Per raggiungere le spiagge più belle, col mare più incontaminato, è necessario muoversi lontano dal centro, ma verrete premiati con calette da sogno e acque cristalline.

Vi proponiamo una selezione delle spiagge più suggestive della costiera sorrentina:

  • Spiaggia di Tordigliano: una delle spiagge più estese dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella. Seppure si tratti di una piccola frazione del comune di Vico Equense, quindi in provincia di Napoli, si estende anche sul lato salernitano della costiera. Raggiungendo la SS 163 Amalfitana e scavalcando i Colli di Fontanelle che offrono una splendida vista sui “due golfi”, la spiaggia si arriva alla spiaggia percorrendo un sentiero in direzione Positano. La spiaggia si può raggiungere dalla villa comunale, nei pressi della Chiesa di San Francesco, con un ascensore. Altrimenti si può arrivare a piedi da Piazza Tasso seguendo le scale.
  • Spiaggia di Marina Grande: un borgo di pescatori, famoso per i ristoranti. Ha anche una piccola spiaggia di sabbia vulcanica dove rilassarsi al sole prima o dopo pranzo.
  • Bagni della Regina Giovanna: uno dei luoghi più conosciuti e visitati della costiera sorrentina. Un nome originale che tanto narra della storia legata alla spettacolare piscina naturale, racchiusa tra la spiaggia rocciosa e le scogliere calcaree di Sorrento. Un caratteristico arco naturale in pietra consente l’accesso alla caletta, separando la piccola laguna dal mare. Quest’oasi marina deve il suo nome a Giovanna d’Angiò, la leggendaria regina di Napoli, che ne prediligeva le acque color smeraldo per la posizione nascosta e protetta. Secondo la tradizione, questa piscina naturale ha fatto da cornice agli incontri della sovrana con i suoi giovani amanti.
    Proseguendo lungo la passatoia che noterete sulla vostra sinistra arriverete alla zona della Solara con scogli più comodi dove stendersi e dove la discesa e risalita dal mare è più agevole. C’è anche uno stabilimento balneare privato dove prendere un lettino.
  • Fiordo di Crapolla: è un luogo suggestivo e affascinante con un passato ricco di storia, dove mare e natura dominano la scena incontrastate. Oltre a essere un luogo di grande interesse naturalistico, conserva tracce visibili di un passato ricco di storia. All’incirca 700 in pietra compongono il sentiero che conduce al Fiordo di Crapolla: ogni 50 gradini, una piastrella in ceramica indica la numerazione progressiva.
  • Spiaggia di Puolo: situata fra Sorrento e Villazzano, nella Penisola Sorrentina, la zona è conosciuta anche come Baia di Puolo o Cala di Puolo o Spiaggia di Puolo; è un arenile di modeste dimensioni composto da sabbia grigia mista a ciottoli. La zona di Puolo è la più amata dai sorrentini, oltre che la più gettonata dalle famiglie, soprattutto per la presenza della spiaggia e della riva con fondale basso. Puolo si divide in due zone con due diverse discese a mare dalla strada statale: oltre alla spiaggia privata, c’è un’area libera che comprende la zona della Pignatella, con scogli sul mare, oltre alla spiaggia.
  • Cala di Mitigliano: un’ampia baia sul mare dalla quale è possibile scorgere l’isola di Capri e Punta Campanella. Delimitata da rocce alte e a picco, anche la spiaggetta è contraddistinta dalla presenza di rocce e sassi di varia misura; sul lato destro, una costruzione a forma di torre circolare, utilizzata in passato per la produzione della calce, ricorda il tempo in cui la cava era attiva.
  • Marina del Cantone: una baia aperta e sonnolenta, suggestivo rifugio per chi ama il mare selvaggio e preferisce rintagliarsi attimi di privacy, lontano dalle mete più note. Marina del Cantone affaccia sul golfo di Salerno ed è situata tra la baia di Ieranto e Recommone. E’ rinomata per le sue spiagge in ciottoli e le acque limpide. E’ il posto ideale per chi desidera concedersi un bagno in tranquillità, senza dover affrontare lunghe passeggiate; una delle spiagge più estese della penisola, vede alternarsi tratti attrezzati con stabilimenti balneari e tratti di spiaggia libera. Dalla spiaggia di Marina del Cantone, attraverso un sentiero panoramico, è possibile raggiungere la caratteristica spiaggia di Recommone, un piccolo angolo di paradiso.
  • Baia di Ieranto: unica insenatura all’estremità della penisola sorrentina, ha alimentato miti e leggende tra il verde argenteo degli olivi e il blu cristallino della baia, tra il paesaggio dei faraglioni su cui si affaccia e le tracce di un recente passato industriale. Donata al FAI perché venisse sottratta ai pericoli di speculazione, la Baia è stata oggetto di importanti interventi di restauro ambientale volti a recuperare la macchia mediterranea originaria: dal rosmarino all’euforbia, al ginepro. Oggi Ieranto è riconosciuta Sito di Interesse Comunitario, incluso nell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, e l’elevato livello di biodiversità la rende una destinazione ideale per chi ama il contatto con la natura più incontaminata, anche attraverso esperienze stimolanti e divertenti, come: birdwatching, kayak, snorkeling, passeggiate botaniche e laboratori per ragazzi.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)