Il nuovo modo di leggere Napoli

E’ arrivato l’inverno: giochi da fare al chiuso

di / 0 Commenti / 101 Visite / 19 novembre, 2019

disegno-girotondo-colorato-660x847 Con l’arrivo dei mesi invernali si pone il problema di come far passare le giornate ai bambini in casa; dopo la scuola dato che fa molto freddo è quasi impossibile passare del tempo all’aperto, ma per non prendere la cattiva abitudine di lasciare i propri figli troppo davanti alla televisione o ai giochi elettronici è bene organizzare un programma di giochi da fare in casa, in compagnia con fratelli e amici.

Come animare le giornate invernali dei nostri figli o le loro feste di compleanno

Fortunatamente i giochi da fare in casa sono davvero tanti a partire dai giochi da tavolo, fino ad arrivare ai giochi di fantasia, ovvero quelli che si possono realizzare con pochi oggetti reperiti in casa o addirittura senza nulla; per trascorrere dei pomeriggi allegri e di gioco nonostante l’inverno ci tenga segregati fra quattro mura. Qui di seguito diamo un piccolo vademecum di giochi da potersi fare al chiuso con gli amici e anche con la supervisione degli adulti; i giochi in casa possono essere organizzati anche in occasione di un compleanno o altre ricorrenze. Se voi mamme non siete in grado di organizzare i pomeriggi dei vostri figli potete sempre affidarvi a una efficace animazione per bambini addirittura impedibile per una festa di compleanno

 

Piperley: il gioco dei rumori
Un gioco simpatico da fare in casa, forse poco conosciuto è il Piperley, è un gioco adatto a bambini dai 6 ai 14 anni e vi possono partecipare fino a 14 giocatori, il gioco non richiede nessun materiale specifico, tranne che uno spazio dove tutti i partecipanti si possono mettere seduti a terra. Il gioco consiste nel mettersi in cerchio seduti. Chi conduce il gioco deve raccontare una storia che ha per protagonista il tamburino Piperley, chi conduce la manche deve nominare il tamburino e creare un suono;  durante il gioco ogni volta che viene nominato il tamburino tutti i partecipanti devono battere le mani sulle ginocchia, compreso il conduttore del gioco. Man mano che la storia si snoda, dal conduttore del gioco devono essere aggiunti nuovi gesti e nuovi suoni, ovvero battere il palmo delle mani, fischiare, o comunque produrre rumore con qualche oggetto, vince chi riesce a produrre il maggior numero di rumori e più fantasiosi.

Il gioco degli avverbi

Un secondo gioco molto simpatico da fare in casa nelle giornate di pioggia e di freddo è il gioco degli avverbi, vi possono partecipare fino a 10 giocatori in un’età compresa che va dai 12 anni in su, non serve nessun materiale. Basta avere una stanza spaziosa dove giocatori si siedono sul pavimento in cerchio, uno dei giocatori deve essere scelto dagli altri e deve uscire dalla stanza, tutti quelli che restano devono scegliere un avverbio, quando il giocatore di turno rientra deve iniziare a fare delle domande e gli altri giocatori risponderanno con l’avverbio che è stato scelto, lo scopo è quello di indovinare l’avverbio che i compagni avevano scelto.

Nomi cose e città

Un classico dei giochi da fare in casa è senza dubbio nomi cose e città, per questo gioco serve un foglio di carta e una penna per ogni giocatore, il numero di partecipanti è illimitato; oltre ai fogli e alle penne devono essere preparati 21 foglietti con le lettere dell’alfabeto e introdotti in una ciotola, a ogni giro di gioco a turno i giocatori sceglieranno una lettera, e sarà quella lettera che dovrà essere utilizzata nel giro per scrivere appunto nomi, cose e città. Vince chi totalizza il maggior punteggio poiché non ha saltato nessuna lettera e non ha fatto nessun errore, e punti si distribuiscono in questo modo: a ogni nome esatto corrispondente alla lettera che è stata scelta per il turno di gioco vanno 10 punti, per i nomi scritti contemporaneamente da due giocatori vanno segnati 5 punti, per tutte le altre tipologie di errore o assenza nel giro di gioco i punti assegnati saranno uguale a 0.

 

Battaglia Navale

Un altro cult dei giochi al chiuso è battaglia navale, erroneamente giudicato scontato è un gioco che piace sempre; e che si può preparare semplicemente con fogli di carta e penne senza avere la necessità di usufruire di un gioco da tavolo già fatto; battaglia navale si può giocare tranquillamente preparando il tutto con dei fogli a quadretti e delle penne che verranno distribuiti a ogni giocatore. Dopodiché verrà preparato il campo di gioco con lettere e numeri che dovranno fare poi da coordinate, ogni giocatore una volta che avrà pronto il foglio di gioco dovrà posizionare le proprie navi facendo in modo di non far scorgere il proprio foglio agli avversari.  A questo punto si può iniziare a giocare, ogni giocatore cercherà di affondare le navi degli altri tirando a indovinare per le coordinate di posizionamento delle navi avversarie.

Nascondino

Nelle giornate fredde e piovose quando non si può giocare all’aperto uno dei giochi più divertenti da fare in casa anche se le mamme non sono proprio contente è il nascondino vi possono partecipare un numero illimitato di giocatori, il gioco consiste nel trovare il nascondiglio migliore per non farsi trovare da chi sta “sotto”, ovvero da chi deve trovare tutti i giocatori che si sono nascosti; vince il giocatore che riesce a trovare il maggior numero di compagni in breve tempo, questo è uno dei giochi più antichi che sono stati inventati insieme al gioco della campana.

Animazione per bambini

Quelli citati sono giochi datati; e prima di noi ci hanno giocato i nostri nonni e i nostri figli dopo di noi; ma oggi l’evoluzione nei contatti sociali e nel comparto dell’intrattenimento se vogliamo organizzare una festa, un pomeriggio diverso di divertimento o una festa di compleanno ci suggerisce di ingaggiare chi può organizzare un’ottima animazione per bambini; ovvero una giornata di giochi e divertimento esclusivo e non solo animazione per compleanni ma per qualunque tipo di festa dedicata a bambini o adolescenti. Una scelta azzeccata che regalerà ai vostri bambini una giornata da favola.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)