Il nuovo modo di leggere Napoli

Venerdì a Forcella, la Campagna “Plastic free For culture”_ un libro in dono in cambio della plastica

di / 0 Commenti / 88 Visite / 27 novembre, 2019

whatsapp-image-2019-11-27-at-10-38-19 La Biblioteca Universitaria, l’associazione Mine Creative, l’Associazione Annalisa Durante, Assogioca, Legambiente, il Dipartimento di Giurisprudenza della Federico II ed l Teatrini, insieme alle scuole Adelaide Ristori, Bovio Colletta e Oberdan, saranno i primi soggetti del Patto Locale per la Lettura “Reading Forcella” a dare il via ad un nutrito programma di  azioni educative, messe in campo dal Patto, finalizzate a promuovere  insieme la lettura ed il rispetto dell’ambiente presso i bambini e le famiglie del centro storico cittadino.

L’iniziativa in programma il prossimo venerdì 29 novembre a Forcella consiste nella donazione di libri alle classi che si organizzeranno nel raccogliere la plastica e a riutilizzarla in laboratori creativi. Oltre 300 bambini sono attesi presso la Biblioteca Universitaria di via Paladino, per ricevere libri in cambio della plastica, in attuazione della Campagna “Plastic free For culture” lanciata dal “Reading Forcella”. I libri saranno offerti dalla libreria A&M Bookstore che ha aderito all’iniziativa. Seguirà la rappresentazione delle favole animate di Rodari, in collaborazione con I Teatrini, all’interno della splendida grande sala di lettura della Biblioteca, mentre il 12 e 13 dicembre si proseguirà con i laboratori “In una Capanna di libri” per il riutilizzo artistico della plastica raccolta.

“Forcella ed il centro storico hanno bisogno di iniziative positive come queste per attuare lentamente ma in maniera continuativa un cambiamento di cultura e di mentalità” ha dichiarato il presidente dell’Associazione Annalisa Durante Giuseppe Perna, il quale ha ricordato che il 29 novembre si terrà anche una manifestazione pubblica, intitolata “Fuoco amico” , per sottolineare che il NO alla violenza passa attraverso il SI alla cultura, alla cittadinanza attiva e al rispetto dei luoghi in cui viviamo.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)