Il nuovo modo di leggere Napoli

Ragù: la ricetta dello chef Cannavacciuolo

di / 0 Commenti / 1160 Visite / 19 marzo, 2020

_dsc7769 Tantissimi personaggi dello spettacolo stanno intrattenendo gli italiani, dando il loro contributo per rendere meno dura la quotidianità tra le mura domestiche nel rispetto delle normative anticontagio. Dai concerti sui balconi dei cantanti ai video che impazzano sui social, in cui attori ed artisti coinvolgono ed intrattengono i followers, ma soprattutto le preziosissime ricette di cucina per consentire agli italiani che si stanno cimentando ai fornelli di utilizzare questo tempo per imparare delle nuove ricette ed allietare i familiari con deliziosi manicaretti.

Sul suo profilo Instagram, l’amatissimo chef Antonino Cannavacciuolo, ha dato il suo prezioso contributo alla causa diramando la ricetta del ragù.

“Voglio raccontarvi di quelle domeniche mattina, quando a svegliarmi era il profumo del ragù di mamma. Un profumo che non scorderò mai! – ha scritto lo chef napoletano su Instagram – Oggi voglio condividere questo splendido ricordo assieme a voi… Sono molte le versioni del ragù napoletano, qualcuno lo prepara con la cotenna del maiale, qualcuno con la carne di manzo, qualcuno con le braciole. La mia versione preferita è con le costine di maiale.”

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

500 g di costine di maiale
1 cipolla bianca
1 kg di pomodori San Marzano pelati
1 peperoncino
1 foglia di alloro
100 ml di vino rosso
Olio extra vergine di oliva
sale
pepe

 

PREPARAZIONE

Pulite le costine di maiale e tagliatele nel senso dell’osso, cospargetele di sale e pepe e lasciatele marinare per una decina di minuti. Soffriggetele in una pentola capiente con un filo d’olio, fino a ottenere una crosticina dorata, quindi unite la cipolla tagliata molto sottile e il peperoncino (se non amate il peperoncino potete non metterlo).

Fate appassire, sfumate con il vino rosso e non appena l’alcol sarà evaporato coprite tutti gli ingredienti con i pomodori pelati.

Cuocete il tutto a fuoco lento per almeno 5 ore.

A metà cottura unite la foglia d’alloro e a cottura ultimata staccate la carne dall’osso.

Questa è la base del ragù che potrà essere utilizzata per le diverse preparazioni.

IL MIO CONSIGLIO

chef-cannavacciuolo-ragu-napoletanoQuesta variante di ragù è una versione più semplice e meno ricca di quella tradizionale e alleggerisce questo piatto impegnativo. Il ragù può essere una base per condire la pasta, come paccheri e maccheroni!

Uagliù ricordate che la scarpetta è obbligatoria!

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)