Il nuovo modo di leggere Napoli

Sete dopo la pizza? Ecco perchè

di / 0 Commenti / 127 Visite / 12 maggio, 2020

pizza-acqua-sete Vi è mai capitato di avere tanta sete dopo aver mangiato la pizza?

Ebbene, i motivi sono molteplici e dipendono soprattutto dalla lavorazione di questo intramontabile must della cucina napoletana, dalla quantità e qualità degli ingredienti utilizzati.

Le ragioni per le quali, dopo aver mangiato la pizza, ci vediamo costretti a combattere contro una forte sete sono:

  • una maturazione dell’impasto insufficiente;
  • tipo di farina utilizzata;
  • qualità e quantità degli ingredienti.

La principale causa della nostra sete dopo avere mangiato la pizza sta nella farina che la maggior parte dei pizzaioli utilizza per l’impasto o meglio il mix di farine e lievito pronto da impastare, ricco di enzimi che servono a trasformare gli zuccheri complessi, contenuti nella farina, in zuccheri semplici che diventano il nutrimento preferito degli enzimi. Nella pizza, l’attività degli enzimi ha termine quando gli amidi della farina diventano zuccheri semplici. Il loro lavoro prosegue pure se non sono state raggiunte le classiche 72 ore di lievitazione della pizza e in tal caso la lievitazione continuerà nel nostro stomaco dove gli enzimi ricercano continuamente acqua. Ed ecco spiegato perché può capitare di avere tutta questa sete dopo aver mangiato la pizza.

Quando si mangiano cibi salati, aumenta la concentrazione di sale nel nostro sangue. Di conseguenza, quando i reni si accorgono che nel sangue circola troppo sale, inviano al  cervello  il messaggio della sete. Nella pizza il sale è presente già nella preparazione dell’impasto. Poi si aggiunge anche quello contenuto nella mozzarella ed negli altri ingredienti scelti. Tutto questo va a stimolare in maniera sostanziosa la sensazione di dover bere.

Per ridurre questa fastidiosa sensazione di sete è quindi preferibile scegliere pizzerie che adottano un processo di lievitazione che va dalle 24 alle 48 ore e optare per una pizza con ingredienti semplici.

 

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)