Il nuovo modo di leggere Napoli

Specie maschili a confronto: “la ricciola”

di / 0 Commenti / 817 Visite / 18 settembre, 2014

images1D17A591Dopo l’identikit del “toro”, come promesso, è giunto il momento di occuparsi della ricciola. Prima di tutto, risulta opportuno, se non doveroso, spiegare le motivazioni che legittimano la scelta di una simile etichetta da appiccicare a questa singolare ed unica “specie animale maschile”.

Da un’accorta e scrupolosa ricerca è emerso che la ricciola viene catturata grazie ad una singolare tecnica di pesca: le bombe.

I pescatori si appostano sui picchi più alti della scogliera e quando avvistano il branco di ricciole gettano in mare l’ordigno mortale. La bomba non esplode immediatamente, ma comincia ad affondare, Le ricciole, incuriosite dallo strano oggetto e ignare del pericolo, invece di scappare si avvicinano ancor più alla bomba che, esplodendo, compie un vero e proprio massacro. E pertanto per dirlo alla napoletana, la ricciola sarebbe “o’ pesce pigliat’ ca bott’” intercalare con il quale, nel gergo comune, viene indicato anche un uomo/ragazzo che non eccelle in quanto a personalità ed intraprendenza.

“Un Robertino” moderno, per dirla alla Troisi?

Non proprio.

La ricciola è lo step successivo: un Robertino condizionato part-time dall’asfissiante morsa materna, al quale, però, è data l’opportunità di interagire con l’ambiente esterno.

Però, la ricciola si rivela tale per il pessimo e sterile modo in cui gioca le sue carte.

La ricciola è sempre ben pettinata e non esibisce mai una barba incolta, piuttosto sfoggia un pizzetto o un filo di barba impeccabilmente curati; il suo armadio è composto da mocassini, camicia, maglioncino, cardigan, polo, monocolore o a strisce o a rombi (scelti dal riconoscibile gusto retrò della madre) e quando indossa una t-shirt, prima di addormentarsi, recita un atto di dolore; non fuma, non beve, tuttalpiù si concede una sporadica birra con amici, avendo l’accorta premura di farla coincidere con un venerdì o un sabato, come ogni giusta trasgressione degna di nota, perché l’uscita infrasettimanale è bandita, in quanto, in virtù del precoce suono della sveglia al mattino, uscire di sera vorrebbe dire rinunciare alle almeno 8-10 doverose ore di sonno quotidiane; allaccia sempre la cintura prima di mettersi alla guida, anche per spostare la macchina di 2 metri; “perdindirindina” è la più insulsa imprecazione secreta dalle sue immacolate corde vocali e soprattutto nell’approccio con l’altro sesso non può e non sa fare altro che essere “la preda”.

Il suo pezzo forte sono gli approcci virtuali, arena ideale nella quale “i gattini” nella vita reale provano ad improvvisarsi leoni. L’approccio è sfrontato, diretto, incalzante, quindi, la malcapitata di turno non può sapere che dietro quell’artefatta sagoma da mandrillo, in realtà si cela una timida ricciola!

I messaggi sono assidui solo di notte, perché la ricciola non può usare il cellulare mentre guida o mentre è al lavoro ed è tassativamente vietato durante i pasti, “altrimenti mamma grida“, ma quando si ritrova da solo nel suo letto “qualcosa” gli ricorda che è un uomo e in quanto tale ha anche certe altre impellenze alle quali adempiere. Ed è allora che i messaggi diventano più bollenti, ma la ricciola di indole è pigra ed abitudinaria, quindi ipotizzare un incontro reale presenta alcuni ostacoli da fronteggiare.

In primis, trovare il coraggio di rinunciare a delle ore di prezioso sonno e/o ad una serata con gli amici che, per la cronaca, si svolge nel solito pub o nel solito lounge-bar, davanti ad un caffè – perché la birra, come detto, va bevuta una tantum – a parlare di calcio, motori e lavoro. Il rituale si conclude massimo all’una, quando la serata di lei si appresta ad iniziare!

In secondo luogo, la difficoltà di gestire l’incontro, perché la ricciola è talmente “ricciola” che esterna senza tabù tutta la sua incapacità di vestire i panni del cacciatore: “E dove andiamo? E che facciamo? Ma mica facciamo tardi? Dai, organizza tutto tu!”

Nel frattempo, però, i messaggi si fanno sempre più hot, perché la ricciola è talmente pigra e “ricciola” che preferisce lavorare di fantasia, piuttosto che trovare il coraggio di vivere “una notte da leone”.

Riuscirà mai la ricciola ad incontrare la sua donna virtuale?

Lo scopriremo presto!

 

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)