Il nuovo modo di leggere Napoli

Teatro San Carlo: Nicola Luisotti annuncia le dimissioni

di / 0 Commenti / 57 Visite / 24 settembre, 2014

imagesUAP5T6PJNicola Luisotti lascia il Teatro San Carlo di cui era direttore musicale dal febbraio 2012: il direttore d’orchestra ha annunciato la sua decisione attraverso un comunicato stampa.

Tuttavia, il suo ultimo incarico al San Carlo sarà la direzione de «Il Trovatore», opera che il prossimo 12 dicembre inaugurerà la stagione lirica del teatro.

Poi Nicola Luisotti lascerà la direzione musicale del Massimo napoletano.

“E’ con profondo rammarico che rassegno le mie dimissioni da Direttore Musicale del Teatro di San Carlo. Dopo 2 anni e mezzo di attività – dichiara il direttore d’orchestra mediante un comunicato stampa – mi sono reso conto che tutti gli impegni presi in precedenza non mi hanno purtroppo permesso di stare vicino, come avrei voluto, a questo meraviglioso Teatro. L’ultimo mio titolo da Direttore Musicale sarà quindi “Il Trovatore” per la prossima apertura di Stagione, dopodiché auguro al teatro e a Napoli di trovare un musicista che sia in grado di dare tempo ed energie ad un luogo sacro per eccellenza e che tutto il mondo, a ragione, ci invidia. Offro la mia disponibilità al San Carlo come ospite per future collaborazioni e mi auguro pertanto di tornare a dirigere a Napoli».

Luisotti era stato nominato Direttore Musicale del Teatro di San Carlo nel febbraio 2012 ed è stato sul podio per produzioni liriche e sinfonico-corali riscuotendo sempre grandissimi consensi.

Al San Carlo, intanto, è già iniziata la corsa per individuare il suo successore, in un momento in cui i teatri lirici italiani sono un argomento dibattutissimo.

Soprattutto dopo il rifiuto del maestro Riccardo Muti all’Opera di Roma.

Ufficialmente, le dimissioni di Luisotti sono legate ad una serie di impegni che il direttore d’orchestra ha in giro per il mondo, ma c’è chi legge dell’altro in questo addio che spezza il filo di un programma già elaborato e che arriva in un momento di grandi cambiamenti all’interno del Massimo partenopeo.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)