Il nuovo modo di leggere Napoli

Preside vieta il velo islamico in classe: ” la scuola italiana è laica”

di / 0 Commenti / 145 Visite / 16 febbraio, 2015

timthumb-3Cervignano del Friuli- Il dirigente dell’Istituto tecnico ” Malignani” vieta, nella sua scuola, l’uso del velo da parte delle ragazze islamiche e qualsiasi altro segno di “ ostentazione religiosa”. Questo per far fronte agli episodi di razzismo che si sono intensificati nell’Istituto, soprattutto dopo i recenti atti terroristici dell’Isis contro gli obiettivi occidentali. Episodi di razzismo, perlopiù, perpetuati a danno di studenti di fede musulmana.

La soluzione migliore sembrava questa. Una circolare dell’Istituto, scritta dal preside, recita:”essendo la scuola italiana laica e indifferente al credo professato dagli allievi e dalle loro famiglie non sarà accettata, da parte di nessuno, l’ostentazione e l’esibizione, specialmente se imposta, dei segni esteriori della propria confessione religiosa, anche perché essa, in fin dei conti, può essere colta come una provocazione e suscitare reazioni di ostracismo, disprezzo o rifiuto.”Viene ricordato, inoltre, “il caso dell’autoctono che, presosi a male parole con un compagno egiziano, l’ha poi aggredito all’esterno della scuola“.

Andrebbero esclusi: “Il fazzoletto, il velo che copre talvolta i capelli e parte del viso delle ragazze musulmane” che fanno parte di quelle “ manifestazioni che mirano a sottolineare e rivendicare la diversità“. Significative le parole del preside friuliano, che vorrebbe fare della scuola un’istituzione laica a tutti gli effetti, portando avanti quest’idea “con gli strumenti del dialogo“. Forse trascura qualcosa? La religione fa parte dell’identità degli individui, è connessa alla loro cultura, alla loro volontà di espressione. La religione si esprime tramite simboli. Escluderli sarà davvero la risposta giusta contro il razzismo nelle scuole?

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)