Il nuovo modo di leggere Napoli

Errico Porzio racconta le “emozioni da record”

di / 0 Commenti / 399 Visite / 2 luglio, 2015

11652237_10204564566258734_1967775041_nLo scorso sabato, i maestri pizzaioli dell’INP sono entrati nella storia scrivendo i loro nomi nel glorioso ed ambito libro dei Guinness world record.

Con oltre tre ore di anticipo a Chiasso, in Svizzera, il team capitanato dal maestro pizzaiolo Errico Porzio, ha registrato un nuovo record nella produzione di pizze.

A partire dalle 11 del mattino, in piazza Indipendenza, un team di motivatissimi pizzaioli ha iniziato a sfornare pizze con l’intento di emulare il precedente record di 3575 pizze in 12 ore.

Obiettivo raggiunto e superato già intorno alle 19.30.

11667096_10204564566938751_462651651_n

Uno dei grandi artefici e protagonisti di questa impresa, Errico Porzio, non può che essere orgoglioso e soddisfatto per quanto, insieme alla squadra è riuscito a compiere, come lui stesso racconta: “Il grande successo dei pizzaioli e della pizza napoletana al di là del guinness è stata straordinaria, l’affluenza nella piazza Indipendenza di Chiasso è stata incontrollabile. Una folla immensa ha invaso Chiasso e ben 4 ore prima della scadenza il record era stato già battuto. Un aspetto che dimostra che in Svizzera la pizza napoletana degnamente rappresentata dai maestri pizzaioli dell’INP ha sbancato. La presenza del direttore della guida alle pizzerie d’Italia, Vito Saturno, ha suggellato poi l’importanza dell’evento, arricchendolo di ulteriore valore.”

11650880_10204564566418738_263112691_n

Con Errico Porzio e Attilio Albachiara alla guida del super-squadrone di pizzaioli che ha dato materialmente forma alle pizze sa realizzare per maturare il record, c’erano i maestri pizzaioli: Ivan di leva (Antico palazzo di Orta di Atella), Gennaro Catapano (pizzeria jolly di Palma Campania), Angelo Tramontano (‘O Sarracin’ di Nocera), Fabio Cristiano (Da Gennaro a Bagnoli), Nicola Pagano (il golosone di Striano), Salvatore Lioniello (Paradise di Orta Di Atella), Gigi Cacialli (Il figlio del presidente al Duomo), Antonio Tammaro (trattoria Caprese al Vomero), Marco di Pasquale (Il giardino degli dei di Salerno).

11651299_10204564566018728_1118406919_n

Inoltre, hanno fornito un supporto collaborativo fondamentale al conseguimento del guinness i pizzaioli Nino Pannella (pizzeria da Nino ad Acerra), Nicola Falanga (Haccademia di Terzigno), Vincenzo della Monica (Rosy a Cava dei tirreni), Nicola Travaglino (la tavernetta Acerra), Giuseppe Sivo (La Sorrentina Frattaminore).

11651116_10204564567418763_1617617562_n

Un successo festeggiato insieme a migliaia di persone, sottolineando, così, anche e soprattutto quello che è lo spirito più semplicistico della pizza: richiamare le persone, generando, in maniera spontanea, un genuino desiderio d’aggregazione.

11694369_10204564566978752_511876502_n

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)