Il nuovo modo di leggere Napoli

ANTICHI MESTIERI A NAPOLI; il bancaruzzaro e il bancarellaro

di / 0 Commenti / 803 Visite / 1 settembre, 2015

Bancarelle-di-Libri-e-Dischi-600x342Tra gli antichi mestieri di Napoli “o’ vennetore ambulante” è tra quelli che può dirsi evolutosi dalla tradizione al giorno d’oggi.

Chi è dunque il venditore ambulante?

Se volessimo rispondere per “interpretazione letterale” diremo che è colui che nell’ambito della pratica della sua attività si sposta continuamente e non ha sede fissa. Se, invece, volessimo rispondere con fare giuridico, diremo che è colui che svolge un’ attività di commercio ambulante o meglio, un’attività di commercio al dettaglio su area pubblica( strade, canali, piazze) attualmente disciplinata dal Decreto legislativo n 114 del 31 marzo 1998( sett 27-30) Riforma Bersani. Oggigiorno sarebbero troppe le lungaggini da dover rispettare per essere in “regola”: innanzitutto possedere una licenza/autorizzazione amministrativa per l’esercizio del commercio su aree pubbliche, poi requisiti oggettivi/professionali ed infine effettuare procedure di inizio attività che i soggetti in questione considererebbero solo come una marea di scocciature!

Facendo un tuffo nel passato, scopriamo che nella quotidianità dell’antica Napoli “ó vennetore ambulante ” non aveva di questi problemi, bensì era solito misurarsi con altre questioni, non meno gravose, basti pensare alle gabelle e tassazioni imposte dai viceré di Napoli sul pane, sulla frutta e su altri e vari alimenti, dalle quali i commercianti non potevano sottrarsi se non con fare rivoluzionario (ricordando Masaniello).

E, dunque, chi era a quel tempo il venditore ambulante?

Tra i venditori storici della città ,”il suggecó”(colui che vendeva cibarie),”il menestaro”(colui che vendeva ortaggi), “il pulmunaro”(colui che vendeva frattaglie), vi era in primis ” il Bancaruzzaro”(bancarozzolaro in italiano) ossia colui dal quale nasce questa tradizione del “cummercio” sulla bancarella apposta sulla strada, esponendo su di essa un ciarpame di oggetti vecchi, in particolare ” libri usati” ed altri oggetti, come: bottoni vecchi, monete, quadretti e santini. Altra figura non meno rilevante per i mercati dell’epoca, era quella del cosiddetto “Bancarellaro” che attualmente è riconosciuto come il bancarellaio, ossia colui che espone la propria merce sul banco.

In realtà, la storia dei quartieri e dei vicoli di Napoli, racconta che il bancarellaro era l’artigiano che costruiva, con le proprie mani, i banchetti che servivano per tutti i venditori ambulanti. Questi banchetti erano un tempo realizzati solo con pezzi di legno, ora anche in ferro e alluminio così da essere più resistenti all’intemperie. La bancarella tipica napoletana è la “vampiette”, una sorta di banchetto con scalini, dapprima situato su un carrettino a mano e successivamente su un furgoncino.

Attualmente questi mestieri tradizionali, seppur mutati per certi versi, sono ancora rilevabili lungo le strade principali della città e per certi versi, i celeberrimi “vuò cumprà”, ovvero gli extracomunitari che praticano il commercio ambulante dei più disparati oggetti, rappresentano la forma più evoluta ed innovativa di questa antica professione.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)