Il nuovo modo di leggere Napoli

Baby-boss eredita il clan a 16 anni nel casertano

di / 0 Commenti / 159 Visite / 12 febbraio, 2016

C_2_articolo_1061573_imageppÈ nei “casi di emergenza” che la criminalità sa esibire le dinamiche più inverosimili e surreali.

Un sedicenne che al cospetto dell’arresto del padre e dello zio, Giuseppe Lai e Giovanni Guzzo, due quarantenni esponenti del clan Belforte di Marcianise operanti su Maddaloni, si è visto “costretto” a prendere le redini dell’organizzazione in mano. L’autorizzazione a proseguire i lavori per l’installazione della fibra ottica per conto della Telecom la doveva dare

È così che oggi il 16enne è stato spedito in una comunità per minori, su ordine del tribunale competente, per reati di estorsione e usura aggravato dal favoreggiamento camorristico. Reati pesantissimi, considerando la giovane età del sedicenne che, secondo quanto raccolto dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica per i minorenni e svolte dai carabinieri di Maddaloni, guidati dal capitano Pasquale Puca, avrebbe continuato a svolgere gli affari di famiglia, in compagnia di altri affiliati, tra cui un altro zio, anch’egli raggiunto dalla misura cautelare dell’obbligo di dimora. Questa volta, contrariamente a quanto avvenuto in altre vicende camorristiche simili, in assenza dei «capi» detenuti, la gestione degli affari criminali non ha riguardato moglie o compagna ma un figlio minorenne. Dalle indagini sarebbe emerso che il ragazzo si sarebbe presentato agli imprenditori per chiedere il pizzo o la rata del prestito usuraio, riscuotendo anche somme di danaro.

Una vicenda che consegna una soluzione “inedita” in termini di dinamiche di successione riconducibili alle sorti di un clan.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)