Il nuovo modo di leggere Napoli

Ischia: la festa di Sant’Anna, tra storia e tradizione

di / 0 Commenti / 201 Visite / 23 luglio, 2016

ischia-festa-santannaÈ giunta all’84.ima edizione la “Festa a Mare agli Scogli di Sant’Anna” in programma ad Ischia dal 22 al 26 luglio prossimi.

Lo  scenario è quello di Ischia Ponte e del Castello Aragonese, dal 23 al 26 luglio 2015, prende vita una “festa di tutti”. Nata nel 1932, la Festa a Mare agli Scogli di Sant’Anna dedicata alle donne e  alle partorienti.

La tradizione racconta che il 26 di Luglio di ogni anno, le donne ingravidate andavano in processione a venerare l’effige della Madre della Madonna che si trova in una cappella nella Baia di Cartaromana accompagnate da una sfilata di barche di pescatori che per l’occasione addobbavano gli scafi con frasche e ghirlande di fiori.

Il Palio di Sant’Anna

La sfilata parte dal Castello Aragonese fino alla Chiesetta dedicata a Sant’Anna, nel mezzo di una scenografia unica infatti è davvero bello vedere le barche nella Baia di Cartaromana e il pubblico posto sulla scogliera che ne fanno da contorno. Ovviamente tutto questo è sotto l’occhio attento di una giuria che decreta la barca più bella e ben fatta.

Festa di Sant’Anna, Incendio del Castello

Un altro spettacolo caratteristico della serata è “L’Incendio del Castello” dove si vede una rappresentazione del Castello Aragonese illuminato tutto intorno con delle fiaccole rosse che ne rappresentano i numerosi attacchi saraceni per poi finir

La festa nacque  nel 1932 per iniziativa di un gruppetto di amici. Prendendo spunto dalle numerose  barche di pescatori con a bordo le famiglie si recavano a recitare il Rosario davanti alla chiesetta di S. Anna dopo di che si consumava a mare una cena a base di coniglio e di melanzane alla parmigiana.

Da li un’idea per la costituzione di  un comitato per una sfilata di barche addobbate e lampade sulle colline di Campagnano e di Soronzano . Nel corso degli anni sono cambiati i temi delle barche addobbate – dalla canzoni napoletane alle antiche tradizioni isolane – ma è rimasto sempre lo stesso spirito.

Ecco il programma dettagliato della festa 

 

Si tagliano i nastri di partenza sabato con “La storia racconta” (ore 21) a cura di “Officina Sant’Anna” presso la Galleria Mario Mazzella, poi domenica “La strada verso il porto” (ore 21) nel piazzale Aragonese vedrà Don Pasta e Mariano Penza, presentati da Gennaro Monti, percorrere le vie del cibo e del vino per un viaggio di sapori e gusti tutti isolani. A seguire lo spettacolo circense “Odissea, il mito si svela”  tra parole e quadri si rievocheranno i momenti del mito. Testi e regia di Gennaro Monti con le coreografie di Gennymatt ProdancersLunedì (ore 19:30) ci sarà la tradizionaleprocessione alla chiesetta di Sant’Anna e successivamente nel piazzale Aragonese (ore 21) prende vita il concerto “La partenza sotto stelle magiche” con la regia di Bruno Garofalo e la direzione musicale di Salvio Vassallo: sul palco,Valentina GaudiniFlo ed Ernesto Nobili, il Trio Tarante e con l’amichevole partecipazione di Eugenio Bennato.Martedì si approda al momento clou della celebrazione con la sfilata delle barche allegoriche che vedono la partecipazione straordinaria dell’attrice e cantante italiana Lina Sastri, come madrina della festa. Musiche di Salvio Vassallo e regia videoFrancesco Albano. Martedi 26 la Grande festa a mare sugli scogli vedrà la partecipazione di Lina Sastri e da mezzanotte lo spettacolrare incendio del castello con lo spettacolo piromusicale che illuminerà l’isola.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)