Il nuovo modo di leggere Napoli

L’omicidio al campo rom di Ponticelli visto e raccontato dagli abitanti del quartiere

di / 2 Commenti / 1057 Visite / 15 agosto, 2016

romEsistono “omicidi” e “omicidi”.

Per quanto Ponticelli possa essere un quartiere avvezzo ad accogliere morti violente, non tutte sortiscono le stesse reazioni né hanno lo stesso impatto sull’opinione pubblica.

Lo scorso sabato sera, nel cuore della notte a cavallo tra il 13 e il 14 agosto, nel campo rom di via Virginia Wolff, una lite tra gli abitanti del villaggio è degenerata a tal punto da portare un uomo ad afferrare un coltello e sferrare plurimi colpi contro il suo interlocutore.

Un contenzioso annegato nel sangue: una vicenda che, se avesse avuto per protagonisti due “italiani purosangue”, avrebbe scatenato l’indomabile e puntuale inferno mediatico.

Eppure, nonostante si tratti dell’ennesima morte violenta maturata tra le mura di un quartiere in cui questa stessa forma mentis dilaga, troneggia e spaventa, la reazione collettiva è controversa.

“Siamo stanchi dei problemi che i rom continuano a portare nel nostro quartiere – scrive un abitante di Ponticelli – e l’episodio dell’altra notte lo dimostra. Solo per caso si sono uccisi tra loro, anzi, finché si uccidono tra loro è anche un bene cosi si eliminano con le loro stesse mani, ma il problema è serio e merita di essere esaminato con attenzione per evitare che si arrivi di nuovo a quello che è successo qualche anno fa e che sia di nuovo la gente di Ponticelli a provvedere a cacciare i rom dal quartiere.”

“Quello che è successo qualche anno fa”: un campo rom dato alle fiamme nel cuore della notte da parte di personaggi “discutibili” del quartiere che, a suon di molotov, inoltrarono agli abitanti di quel villaggio l’inequivocabile invito ad abbandonare il quartiere.

Ci ha dovuto pensare la camorra a scacciare queste gente. Quando si dice che la camorra offre servizi!”: commenta un abitante di Ponticelli.

Bella l’iniziativa delle molotov”: commenta un altro esponente di quella corrente di pensiero che sembra voler fortemente auspicare ad una riproposta di quel raid, sprezzanti delle vite umane che abitano – e muoiono – anche in quel campo, proprio come accade in tutti gli altri contesti “difficili” del quartiere.

Eppure, per i “figli del degrado e della povertà”, dovrebbe essere più facile comprendere le condizioni e le emozioni di chi faticosamente arranca in quella stessa barca. A prescindere dal colore della pelle e della lingua parlata. Già, perché quel: “quando parlano, non si capisce niente”, potrebbe essere facilmente applicato ed esteso anche a molti abitanti locali, sul cui capo, però, pende l’aggravante di essere italiani, ma non saper/voler riuscire a comportarsi come tali.

 

2 Commenti

  1. Come al solito la guerra è tra i poveri! Poveri non solo nel significato comune della parola ma poveri di cultura e poveri d’animo! Il problema dei Rom, come degli “extracomunitari” dovrebbe essere di spettanza dello Stato legale e non di quello costituito dalla camorra, dalla mafia e dal’ ndrangheta !

    Avatar
  2. Io però continuo a chiedermi perchè si parla del “problema rom” o degli extracomunitari.. perchè che problema c’è di sicurezza? a napoli ci sono 20 omicidi al mese (se va bene!) ora uno ogni 10 anni in un campo rom fa notizia? Avrei evitato di riportare quella dichiarazione “finchè si ammazzano tra di loro” anche perchè credo e spero che non sia il sentimento comune o almeno non quello della ponticelli civile e non quella dei camorristi o collusi che solo zitti dovrebbero stare. I rom a confronto sono suore

    Avatar

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)