Il nuovo modo di leggere Napoli

Venerdì 11 novembre: “Birds of passage”, musiche migranti fra Napoli e New York

di / 0 Commenti / 96 Visite / 9 novembre, 2016

san marcellinoVenerdì 11 novembre, ore 20.30, Chiesa dei SS. Marcellino e Festo (Napoli, Largo San Marcellino n. 10), quarto appuntamento dell’Autunno musicale 2016 dell’Autunno musicale della Nuova Orchestra Scarlatti: Birds of passage ‘Musiche migranti fra Napoli e New York’, un inedito concerto/conversazione attraverso il mondo sonoro della comunità italoamericana alla ricerca della sua identità e del suo destino ai tempi della grande emigrazione dei primi decenni del Novecento.

Il concerto è liberamente ispirato all’omonimo saggio della studiosa napoletana Simona Frasca, protagonista della conversazione per la quale Birds of passage è “una storia significativa che ebbe come protagonisti uomini e donne che fecero del loro movimento backward and forward (avanti e indietro) il punto di forza di una vicenda complessa e spesso dolorosa. Come gli uccelli migratori – birds of passage appunto – attraversarono l’Atlantico con la costanza di un pendolo che oscilla e insiste sulla stessa linea immaginaria nella quale l’Oceano stesso è un immenso ‘lago italiano’ dove si sedimentano gli affetti, i sogni, le occasioni perse e quelle ritrovate, i nuovi incastri culturali”.

Il saggio della Frasca ispira un vario e animato palinsesto musicale tra arie e romanze, canzoni e macchiette, da Donizetti dell’Elisir e Puccini della Fanciulla del West a Farfariello e Pisano, dalla celebre Core ‘ngrato alla bella e rara I m’arricordo ‘e Napule. Partecipano al concerto due giovani voci, quella del soprano Naomi Rivieccio e del tenore Stefano Sorrentino. Alla testa della Nuova Orchestra Scarlatti, Federico Odling, leader musicale dei Virtuosi di San Martino, nonché autore di originali versioni orchestrali di alcuni dei brani in programma.

L’evento è realizzato con il patrocinio del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Federico II di Napoli, e in collaborazione con la Fondazione Roberto Murolo e il Centro Studi Canzone Napoletana.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)