Il nuovo modo di leggere Napoli

Aggressione razzista a Napoli, de Magistris: “i rifugiati non sono persone pericolose, sono loro in pericolo”

di / 0 Commenti / 106 Visite / 9 dicembre, 2016

080505588-4e9542fb-7ad7-45fa-9af5-f440fbe05720 Due immigrati del Bangladesh sono stati aggrediti e feriti in via Duomo a Napoli.

Alla Polizia, che indaga sul fatto, hanno riferito di essere stati avvicinati da un gruppo di sconosciuti che li hanno accoltellati senza alcun motivo. Uno dei due ha 32 anni ed è stato ferito a collo ed alla spalla, mentre l’altro, di 29 anni, ha riportato traumi alla spalla.

Sul posto è giunta un’ambulanza del118 che li ha trasportati all’ospedale Loreto Mare. Per loro una prognosi di 15 e 7 giorni, entrambi sono stati dimessi. La Polizia indaga sia per accertare le cause dell’accoltellamento che il movente.

I rifugiati e i migranti “non sono persone pericolose, sono loro in pericolo. Sono pienamente d’accordo con il Papa, queste persone devono essere accolte”: queste le dichiarazioni del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenendo al convegno dei sindaci in Vaticano sulla questione dei rifugiati. “A Napoli – ha riferito il sindaco della città – non c’è una guerra tra poveri ma al contrario una corsa alla solidarietà” verso i migranti “proprio dalle persone più povere. Nessuno mi ha mai detto: ‘sindaco, cacciameli via, con tutti i problemi che abbiamo'”.    

“Siamo tutti abitanti pro tempore di questo mondo e la nostra città è un rifugio: se vengono altre persone che soffrono vengono accolte dai nostri cittadini che soffrono”, ha detto de Magistris.    

“Bisogna però capire – ha aggiunto – quale Europa vogliamo.     Se quella del fiscal compact, della moneta unica, delle mura, dei respingimenti, o vogliamo finalmente un’Europa dei diritti, della giustizia e dell’uguaglianza sociale”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)