Il nuovo modo di leggere Napoli
video

Nell’inferno del Rione De Gasperi di Ponticelli – Prima parte

by / 0 Comments / 1095 View / 27 aprile, 2017

wp_20161214_11_15_37_pro Degrado, abbandono, isolamento, paura, rabbia, fatiscenza,  wp_20170404_16_15_18_proincuria, sporcizia: questi i caratteri dominanti degli “isolati fantasma” del Rione De Gasperi di Ponticelli.

Un inferno terrestre dove all’interno dei palazzi si rileva la presenza di impianti elettrici tutt’altro che a norma; scale, balaustre e corrimani pericolanti, sdrucciolevoli, scricchiolanti; pareti imbrattate e pregne di umidità e muffa, e soprattutto, l’inquietante presenza delle porte “murate” che si alternano a quelle degli appartamenti ancora abitati.

wp_20161214_11_08_02_pro Negli isolati in cui vivevano le famiglie trasferite nel “nuovo De Gasperi”, “sopravvivono” tra le macerie delle “case murate” anche 2-3 famiglie per edificio, in una condizione di spaventoso isolamento, oltre che di conclamato degrado e disagio.

Le colonne fecali e le tubature dell’acqua degli appartamenti tumulati per impedirne l’occupazione abusiva, non wp_20161214_11_10_15_pro di rado, vanno incontro a violenti scoppi che comportano consistenti e continue fuoriuscite di acqua e liquami, oltre ad una massiccia presenza di ratti che trovano nei water degli appartamenti ancora abitati, una “facile e felice” via d’uscita.

wp_20161214_11_16_01_pro Per questa ragione, l’associazione intitolata alla Madonna Dell’Arco presente nel Rione De Gasperi non può essere aperta, in quanto completamente sommersa dal materiale che gronda dalla colonna fecale scoppiata nell’appartamento soprastante. Il tetto è franato e all’interno della sede associativa, da mesi, confluisce il materiale di scarico prodotto dalle famiglie che ancora vivono nell’edificio.

wp_20161214_15_56_18_pro Il crollo di solai e controsoffitti, all’interno degli appartamenti wp_20161214_13_04_30_pro ancora abitati, è un pericolo reale e costante: un’anziana donna riferisce che, all’incirca un mese fa, all’interno della sua cucina è franato il solaio. Solo per una fortuita casualità, la donna non è stata travolta dall’imprevedibile pioggia di calcinacci, perché si trovava poco distante dalla zona coinvolta dal crollo. Un appartamento come tanti, uno di quelli accerchiati dalla presenza delle “case murate” che concorrono e non poco ad indebolire la stabilità delle abitazioni ancora occupate, in quanto incessante fonte di umidità e disagi di vario genere, come detto.

Le cappelle votive, le immagini e le statue sacre sono una costante che si ripete, di piano in piano, di palazzo in wp_20170404_16_15_27_prowp_20170404_17_32_43_pro palazzo e che fungono da unico barlume di misericordiosa speranza rimasto a chi cerca di sopravvivere in quel rione e che affida a Dio l’oneroso compito di tenere in piedi quei fatiscenti palazzi.

Il degrado, dentro e fuori dagli edifici, è aggravato dal senso di inquietudine introdotto dalle “case murate” che hanno sortito un effetto tutt’altro che deterrente sui malintenzionati che non di rado scassinano finestre e porte per saccheggiare gli appartamenti vuoti.

Polvere, macerie, legno, ferro: soprattutto i rom banchettano con piacere tra i relitti del rione De Gasperi.

Mobili “di troppo” lasciati in strada da parte delle famiglie trasferite durante il trasloco, coperte e rifiuti di vario genere abbondano ad ogni angolo del rione.

L’umidità e la muffa che si respirano negli edifici è nauseante, al punto da arrecare capogiri, sinusite, nausea, ai “turisti di passaggio”, mentre, chi vive in quelle condizioni è ormai abituato e rassegnato a convivere con asma e reumatismi.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)