Il nuovo modo di leggere Napoli

Maxi-blitz Alleanza di Secondigliano: in fuga “la Scianel” del clan. Ecco chi è Maria Licciardi

di / 0 Commenti / 403 Visite / 26 giugno, 2019

maria_licciardiCapo, promotore ed organizzatore: viene definita così Maria Licciardi, la “lady camorra” dell’omonimo clan, nell’ordinanza di custodia cautelare che ha fatto scattare le manette per 100 persone, ritenute contigue a vario titolo al cartello criminale denominato “Alleanza di Secondigliano”.

Le persone tratte in arresto, tuttavia, sono solo 99, proprio perchè ‘a piccerella – questo il soprannome di Maria Licciardi in riferimento alla corporatura esile – è sfuggita alla cattura.
Donna-boss a capo del clan fondato dal fratello Gennaro ‘a scigna negli anni ’80, morto nel ’94 nel carcere di Voghera per una infezione curata male, dopo l’arresto dei suoi fratelli, ha ereditato le redini del clan, Di conseguenza, Maria Licciardi è diventata anche la “lady camorra” dell’alleanza di Secondigliano, l’autorevole cartello criminale che, secondo quanto emerso dall’operazione “Cartagena”, non controlla solo il traffico di droga, ma anche l’usura, l’import export di prodotti falsi e la prostituzione.

Molto probabilmente, Annalisa Magliocca detta “Scianel”, personaggio della celebre serie “Gomorra”, è ispirato proprio alla vita e alle gesta di Maria Licciardi.

«Le donne di Secondigliano costituiscono la spina dorsale dell’Alleanza»: questa la definizione affrancata alle “lady camorra” dell’Alleanza di Secondigliano da un ex affiliato, diventato collaboratore di giustizia.

Nata a Napoli, nel quartiere Secondigliano, il 24 marzo 1951, «Era la cassiera, la mente che organizzò l’affare della merce contraffatta» afferma il pentito Luigi Giuliano.

Latitante per due anni, e inserita nella lista dei trenta criminali più ricercati d’Italia, viene arrestata nel 2001. Ha scontato una pena definitiva di dieci anni per associazione camorristica. Nel 1998 venne fermata mentre stava per consegnare 300 milioni destinati a Costantino Sarno, il numero uno nel traffico delle sigarette, per farlo ritrattare, dopo che, arrestato, aveva manifestato la volontà di collaborare con la giustizia. L’ordinanza di custodia cautelare fu emessa qualche mese dopo, nel ‘99, ma lei sfuggì al blitz, in cui, invece, fu arrestato il marito, Antonio Teghemiè, detto “James”.

La Licciardi non riusciva ad accettare la morte del nipote Vincenzo Esposito, detto “ il Principino”, ammazzato a vent’anni dal clan dei Di Lauro, nel 1997, per errore, perché, passando in motorino col casco, era stato scambiato per un killer.

I Licciardi, che in pochi giorni fecero 14 vittime per vendicarsi, infine buttarono giù la lista delle vittime predestinate per velocizzare l’eliminazione senza ricorrere alla strategia delle vendette trasversali, invitando così i responsabili a consegnarsi per salvare i familiari o i familiari a consegnare i responsabili per salvarsi.

Una strategia rimasta famosa come la “Lista della Resurrezione”, perché affissa all’esterno della chiesa della Resurrezione di Secondigliano. La notte del terremoto del 6 aprile 2009 era tra gli ottanta detenuti al 41 bis evacuati dal carcere dell’Aquila, dove, per più di un anno, aveva condiviso i momenti di “socialità” con la brigatista Nadia Lioce.

Maria Licciardi è una donna cattiva e determinata. Fu lei ad ordinare il delitto di Giovanni Paesano perché aveva criticato il suo operato. Ad inchiodare la donna-boss è Gennaro Panzuto, collaboratore di giustizia. L’episodio fu riferito ai pm a dimostrazione della pericolosità e della cattiveria di Maria Licciardi, vera e propria lady camorra, il cui consenso era necessario per qualsiasi decisione.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)