Il nuovo modo di leggere Napoli

Le specialità di “Mimmo il Pastaio”: sombreri di ricotta e pecorino abruzzese al mosto d’uva

di / 0 Commenti / 113 Visite / 13 febbraio, 2021

Domenico Scognamiglio, non a caso meglio conosciuto come “Mimmo il pastaio” è un autentico esperto in materia, nonché uno dei leader del settore della pasta fresca lavorata a mano. Il suo marchio che dà il nome al suo laboratorio di pasta artigianale, “Il Tortellino Pasta Fresca” è un autentico fiore all’occhiello della periferia orientale di Napoli. Situato in via Rossellini a Napoli, da decenni accoglie ordinativi e richieste da parte delle catene alberghiere e dei ristoranti più quotati della costiera amalfitana e non solo. Tutti pazzi per la pasta di “Mimmo il Pastaio”, anche ben oltre i confini nazionali.

Non di rado, infatti, il pastaio dal sorriso radioso e dal cuore d’oro, è chiamato a fare gli straordinari per soddisfare richieste che arrivano dall’estero.

Il talento e la passione di Mimmo Scognamiglio hanno conquistato anche la ribalta mediatica internazionale, grazie al servizio dedicato alla sua storia da France Tv, la cui troupe è giunta a Ponticelli solo per immortalare le gesta di “Mimmo il Pastaio” intento a realizzare i suoi graditissimi prodotti, apprezzati da tanti palati fini.

Un talento che si rifocilla perennemente di entusiasmo e fantasia e che consente a Mimmo il Pastaio di proporre prodotti ed abbinamenti sempre nuovi ed inediti che puntualmente incontrano i consensi degli amanti della pasta.

Particolarmente apprezzata la pasta ripiena de “Il Tortellino Pasta fresca” che propone una sfoglia genuina e saporita che al suo interno custodisce uno scrigno di irresistibile bontà.

A riprova del suo talento naturale, il nostro Mimmo di recente ha proposto una vera e propria prelibatezza che ha mandato in visibilio i suoi tanti estimatori: sombreri di ricotta e pecorino abruzzese al mosto d’uva!

screenshot_20210209_234205_com-facebook-katana

Una proposta gastronomica, anzi enogastronomica inedita e che esalta e risalta un abbinamento e dei sapori a dir poco unici nel loro genere che hanno riscosso un successo clamoroso, ma legittimo.

Il gusto vellutato e corposo della ricotta e del formaggio, avvolto nel sapore deciso del mosto d’uva: una fusion perfetta che manda in visibilio il palato, soprattutto perchè ovattata in una sfoglia di pasta lavorata a mano che funge da valore aggiunto e concorre a rendere corposo e perfetto ogni singolo boccone.

Mangiare per credere!

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)