Il nuovo modo di leggere Napoli

Emergenza covid, l’annuncio di De Luca: “Campania in zona rossa”

di / 0 Commenti / 237 Visite / 5 marzo, 2021

de-luca-3-6Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della consueta diretta facebook del venerdì ha rotto gli indugi e ha anticipato le intenzioni del governo: Siamo in zona rossa. Siamo arrivati lì dove era chiaro che arrivassimo. Da oltre una settimana in Campania registriamo oltre 2000 contagi al giorno”.

Il governatore polemizza per i mancati controlli: “Avevamo le spiagge gremite, sembrava ferragosto nell’assoluta mancanza di controllo”. E punta il dito contro “alcuni sindaci di grandi città che non hanno fatto niente, anzi fino a qualche giorno fa incentivavano aperture serali senza esercitare alcuna forma di controllo”.

Siamo ormai in zona rossa perché il livello di contagio non si può più reggere. E’ evidente che bisogna prendere misure eccezionali. Come è del tutto evidente siamo arrivati alla terza ondata in tutta Italia, per la Campania, da oltre una settimana registriamo sui 2500 nuovi postivi al giorno che significa che dovremo fare il tracciamento dei contatti per almeno 25mila persone è evidente che in queste condizioni diventa impossibile. La ricaduta sulla rete ospedaliera diventa grande e alla lunga insostenibile. Abbiamo già oggi un appesantimento della situazione negli ospedali, in particolare al Cardarelli. E’ evidente che bisogna prendere misure eccezionali”.

De Luca indica nelle variante inglese la causa della nuova diffusione del virus e sulla scuola dice: “Siamo di fronte ad una variante di estrema pericolosità. Si sono registrati nei nostri territori livelli di contagio enormi nel mondo della scuola”.

Sul fronte vaccini, il governatore della Campania afferma: “Ancora oggi abbiamo una sperequazione nella distribuzione di vaccini, qualche minuto fa, nell’incontro fra Conferenza delle Regioni e i ministri del governo Draghi e il nuovo commissario all’emergenza Covid, ho riproposto questo problema. Noi entro il mese di aprile dobbiamo avere la dose in più di vaccini che ci consenta di avere esattamente la proporzione di vaccini adeguata alla popolazione della Campania. Nulla di più, ma anche nulla di meno. Questa operazione dovrà avvenire nel mese di aprile. Sono state consegnate alla Campania 534mila dosi  all’Emilia 559mila, l’Emilia ha 1,3 milioni di abitanti in meno della Campania; il Lazio ha la stessa popolazione della Campania e ha quasi 100mila dosi in più della Campania, 630mila; il Veneto 543mila, 10mila più della Campania con 900mila abitanti in meno; la Lombardia 1 milione 77mila dosi, più del doppio della Campania con il 40 per cento di popolazione in più. Si sta lavorando per la produzione del vaccino in Campania. Ci sono aziende che producono farmaci che possono attrezzarsi con l’aiuto della Regione, un aiuto finanziario anche rilevante con tecnologie necessarie, i bio reattori in modo particolare per l’infilamento del vaccino. E’ una operazione che richiederà non meno di 4 mesi dal momento della stipula dell’accordo ma stiamo lavorando in questa direzione, investire alcune decine di milioni di euro per la conversione aziendale che in modo da avere la possibilità di produrre vaccini in Campania”.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)