Il nuovo modo di leggere Napoli

Hai poca memoria? Uno studio recente rivela che vivrai meglio

di / 0 Commenti / 33 Visite / 13 maggio, 2022

perdida-de-memoriaDa sempre il cervello e le sue plurime funzioni sono oggetto di studi da parte di medici e scienziati  In particolare, la funzione della memoria lascia ancora ampio spazio all’approfondimento e allo studio, per comprenderne a pieno i meccanismi e l’evoluzione nel corso degli anni. Un recente studio concorre a chiarire diversi aspetti.

Dimenticare, secondo focus.it, è un processo assolutamente normale che la nostra mente mette in atto per ripulire i pensieri. Si tratta, infatti, di una vera e propria funzione, un’abilità, con cui il cervello riduce la quantità di informazioni da immagazzinare, distinguendo tra quelle utili e quelle non utili da trattenere. È, quindi, un autentico beneficio, al centro di uno studio che è stato condotto presso il Centro di ricerca sull’Alzheimer della Columbia University.

La ricerca è stata guidata dal professor Scott Small, che si occupa di neurologia e psichiatria e che ha da poco dato alle stampe i risultati emersi nel volume dal titolo ‘Forgetting: The benefits of not remembering’. Il newyorkese sottolinea quanto l’abilità di dimenticare sia preziosa per l’uomo almeno quanto quella di ricordare. Un cervello sano, infatti, è in grado attivamente di rimuovere tutto ciò che non gli serve, conservando, invece, ciò che gli è necessario.

In questo modo, viene eliminato il superfluo e liberato spazio per pensare meglio concentrandosi sulle priorità. Ne deriva, dunque, che avere poca memoria aiuti a prendere decisioni in maniera più efficace e, secondo Small, agevolerebbe anche la creatività, la flessibilità e la velocità. Questa abilità cerebrale non ha nulla che vedere con la perdita di memoria patologica che degenera con la demenza ma è un meccanismo funzionale che il nostro cervello attua per natura. Insomma, dimenticare il superfluo non fa altro che bene.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)