Il nuovo modo di leggere Napoli

Archivio per il tag: libertà di stampa

mediana_512814247010166174

Giornalista denunciato da un vigile. Il comandante Maiello: “il suo gesto non comprometta la collaborazione con la stampa”

 Un giornalista è stato denunciato dalla polizia municipale per aver filmato il fermo di un venditore ambulante. E’ successo durante il pomeriggio di martedì 10 dicembre a Roma a Cosimo Caridi, giornalista e videomaker freelance e collaboratore de “ilfattoquotidiano.it”. Il giornalista, accusato…

0 Commenti / 2125 Visite / 11 dicembre, 2019

paolo-borrometi-a-lavoro

Furto in casa del giornalista Paolo Borrometi, il faro che illumina i cronisti di periferia

Paolo Borrometi è un giovane giornalista siciliano che incarna gli ideali e gli intenti ai quali si ispirano tanti cronisti che si destreggiano tra le difficoltà e i pericoli delle terre dilaniate dalle mafie. Allo stato attuale, nessuno, più di…

0 Commenti / 159 Visite / 24 agosto, 2017

giornalisti-uccisi-penna

Cronista Rai aggredito a Vieste: nelle sue parole “il dramma silenzioso” di tutti i giornalisti minacciati

Ne hanno aggredito un altro. Rischia di diventare una moda, un costume recepito come “normale” e “da mettere in conto” se si vuole esercitare una professione che, nel bene e soprattutto nel male, incarna uno dei beni più preziosi di…

0 Commenti / 138 Visite / 28 luglio, 2017

img-20170524-wa0007

“Diario di una giornalista di strada”: a Roma per manifestare per la libertà di stampa

Roma, 24 maggio 2017 – Inpgi, Casagit, Usigrai, Articolo21, Ordine dei giornalisti del Lazio, Pressing NoBavaglio, Unione giornalisti pensionati (Ungp), associazione Amici di padre Dall’Oglio, associazione Amici di Roberto Morrione, associazione Carta di Roma, Italians for Darfur, Libera informazione: sono…

0 Commenti / 113 Visite / 24 maggio, 2017

lo-trattenemiento-de-peccerille_10_opt

“Diario di una giornalista di strada”: 21 dicembre 2015, la mia seconda aggressione

21 dicembre 2015 – Era un lunedì mattina, freddo, ma soleggiato. In via Califano regnava il fracasso del mercato rionale, i podisti correvano intorno alla villa De Filippo, l’operazione “Strade Sicure” non era ancora iniziata, quindi, non c’erano i militari…

2 Commenti / 1074 Visite / 21 dicembre, 2016

Onderoglu

#FreeErol: l’Italia si mobilita per la liberazione del giornalista Onderoglu

Erol Onderoglu, giornalista di Reporters senza frontiere in Turchia, finisce in galera e viene condannato fino a 14 anni dalla procura di Istanbul con l’accusa di propaganda terroristica per aver partecipato a una campagna di solidarietà a favore del quotidiano filo-curdo Ozgur…

0 Commenti / 92 Visite / 9 luglio, 2016

11704948_10207229215912816_9053203163644667910_n

La guerra in Ucraina di cui nessuno parla

Uno dei più grandi poteri detenuto dai media è quello di traghettare l’attenzione e l’opinione pubblica verso le notizie alle quali si desidera conferire maggiore visibilità e seguito. Di contro, non di rado accade che notizie che meriterebbero d’impattare con…

0 Commenti / 307 Visite / 3 settembre, 2015

giancarlo-siani-Mehari

Giancarlo Siani: tributo al giornalista più internazionale di tutti i tempi

Giancarlo è un ragazzo, napoletano, “un ventenne d’altri tempi”, qualcuno direbbe, “un cronista scalzo”, lo ha definito qualcun altro. Giancarlo è un giornalista che ha saputo e voluto accendere dei riflettori, vigili ed abbaglianti, su una delle periferie più dismesse…

0 Commenti / 155 Visite / 27 agosto, 2015

XSVFECVP5868-1283--330x185

Libertà di stampa: il giornalismo italiano vive una situazione allarmante

Dopo un anno di inchieste e audizioni, la commissione bicamerale d’inchiesta sulle mafie ha pubblicato, nelle scorse settimane, il rapporto sulla libertà di stampa nel nostro paese. La situazione del giornalismo italiano è preoccupante. Rispetto allo scorso anno l’Italia è…

0 Commenti / 52 Visite / 19 agosto, 2015

wake_up_italy_by_wolalabym

23-29 agosto, il “Festival internazionale di giornalismo” porta gli “imbavagliati” al Pan

Arrivano dal Marocco, dal Messico, dalla Colombia, dal Camerun e dalla Russia. Nei loro paesi hanno sperimentato il bavaglio della censura e la persecuzione di regimi dittatoriali, ma nonostante questo hanno messo in pericolo la loro vita per poter parlare,…

0 Commenti / 131 Visite / 19 agosto, 2015