Il nuovo modo di leggere Napoli

Il vero senso della mia lettera a Roberto Saviano: aiutatemi a fermare le strumentalizzazioni

di / 4 Commenti / 11302 Visite / 26 giugno, 2018

liberta_stampaIn riferimento alla lettera indirizzata a Roberto Saviano, pubblicata sui social nei giorni scorsi e riportata da diversi organi di stampa, ritengo opportuno precisare quanto segue:

  • mi dissocio dall’utilizzo improprio di parole pubblicate a mia firma, per giunta, due anni fa e quindi completamente estranee al dibattito in corso, in merito alla volontà del ministro Salvini di togliere la scorta a Roberto Saviano;
  • mi dissocio, ancor più, dalla strumentalizzazione della mia immagine e dei contenuti riportati in quell’articolo, attuata attraverso i social da diverse correnti politiche, con il chiaro intento di indurre l’opinione pubblica a convincersi che rimuovere la protezione di cui dispone lo scrittore napoletano sia un provvedimento giusto e di cui compiacersi;
  • il contenuto di quella lettera, pubblicata dalla sottoscritta due anni fa, ci tengo a ribadirlo nuovamente, va inteso ed interpretato come lo sfogo di una giovane donna, oltre che di una giornalista, che viveva in una situazione difficile, costretta a confrontarsi con pericoli e minacce costanti. La critica mossa a suo tempo allo scrittore, mirava più alla forma che alla sostanza, in quanto non ne condivido talune scelte editoriali e comportamentali. In quelle parole non si fa riferimento alcuno al sistema di protezione al quale è sottoposto nè all’effettivo grado di pericolo al quale è esposto Roberto Saviano, in quanto, oggi come allora, reputo che queste valutazioni spettino a chi dispone delle competenze appropriate, oltre che della reale e completa conoscenza dei fatti.

#IoStoConRobertoSaviano perchè reputo che, a prescindere dal fatto che quello che fa e che dice, possa essere più o meno condivisibile, ha il diritto di dire e fare liberamente quello che pensa ed è un mio preciso dovere associarmi al coro di voci che si stanno battendo per salvaguardare la libertà di espressione, non di uno scrittore, ma di tutti;

#IoStoConRobertoSaviano perchè non auguro a nessuno di finire sotto scorta e se si concorre a rafforzare nell’immaginario collettivo la convinzione che un piano di protezione sia un “Premio” o un vanto o il trampolino di lancio al quale ambire per fare carriera, si contribuisce a far passare un messaggio distorto e si diventa promotori di una campagna fortemente diffamatoria nei confronti della bellezza vita e delle sue più basilari forme di libertà;

#IoStoConRobertoSaviano proprio perchè vivo sulla mia pelle la paura che deriva dalle minacce di chi cura e difende gli interessi delle mafie e più delle intimidazioni che ricevo per il mio lavoro, mi spaventa il messaggio che verrebbe consegnato a chi tenta di fermare le nostre penne, qualora il ministro Salvini dovesse riuscire nel suo intento. Chi parteggia per chi vuole giocare con la vita di Roberto Saviano, strizza l’occhio alle mafie;

#IoStoConRobertoSaviano perchè essere dalla sua parte, vuol dire manifestare la volontà di salvaguardare l’integrità della nostra Costituzione e i principi di libertà, democrazia ed uguaglianza ai quali, chi governa questa nazione, non deve mai smettere di continuare ad ispirarsi.

Ringrazio, sinceramente e con grande commozione, le tantissime persone che da diversi giorni e da ogni angolo della nazione, continuano ad inviarmi messaggi di stima, solidarietà ed affetto.

La replica più eloquente a questa sterile polemica alimentata, mio malgrado, porta la loro firma.
Migliaia di persone hanno dimostrato che questo non è un popolo di burattini, palesando la volontà di non soffermarsi alle apparenze, ma di andare in fondo alle notizie per vederci chiaro, per capire realmente come stanno le cose. E così, conoscendomi, parlandomi, spulciando i miei articoli e il mio messaggio di solidarietà a Roberto Saviano, hanno inteso che la cattiva fede era nelle intenzioni di chi ha strumentalizzato la mia storia, non di certo nelle mie parole.

Moltissime persone, dopo aver appreso la mia storia, dimostrando una grande e spontanea lungimiranza, hanno sentito il bisogno di scinderla dalla polemica in corso per divulgare un messaggio, a loro avviso cruciale e ben più importante da divulgare: non lasciare soli i cronisti di periferia, i tanti giornalisti sconosciuti, come me, che quotidianamente sono esposti a minacce e pericoli, perchè raccontano e ricercano delle verità scomode.

Il popolo del web, la gente comune, ha dimostrato uno spirito critico e un attaccamento a dei valori che rischiano di passare in sordina che rappresentano l’epilogo più felice e degno di nota, destinato a permanere, alla fine di questo sterile calderone.

4 Commenti

  1. esistono gli eroi, i berretti verdi americani super attrezzati per contrastare il male e noi abbiamo un berretto rosa come te, privo di armi, se non la lingua, il verbo che pubblica, senza alleati se non la brava gente che ti ammira e esprime consenso , fiducia e stima. Sperano nel tuo lavoro, nella tua forza , nel tuo senso di sentirsi invincibile, non fisicamente ma moralmente , perchè sei parte dell’universo, di quella forza , anima che pervade tutto e che entra in tutto. Stima , rispetto, per la tua persona , per quello che fai e per come lo fai .Tu ti puoi effettivamente fregiarti di essere il giornalista. altri nomi noti erano giornalisti, ora sono degli scribacchini a pagamento. non sono di Napoli, e leggere il tuo giornale di Ponticelli mi ha fatto pensare che sarei più tranmquillo in Siria che li da te. sii forte, se puoi, e questo augurio lo faccio ai veri sani napoletani .

  2. Gentile e nobile Luciana,
    fino a pochi giorni fa – da buon milanese – non ti conocevo, e per farlo è stato necessario il richiamo della lettera oggetto di questo tuo scritto.
    Per quanto può valere, mi sento di dire che queste tue parole ti fanno onore, come donna e come giornalista, perché le legittime opinioni (trovo Saviano stucchevole e ripetitivo) non devono confondersi con i fatti (lo Stato assegna una scorta ai suoi cittadini esposti a rischio criminale).
    Con il sincerio augurio di trovare intorno a te il continuo sostegno che meriti, ti abbraccio “a distanza”, ma con grande vicinanza.

  3. Saviano è un bugiardo seriale, bugie sull’immigrazione, bugie sul Salvini – https://www.youtube.com/watch?v=ytS1Yep7dVI Vi svelo la menzogna di Saviano su Salvini. Querela? –
    lo stesso capo della mobile contro la scorta a Saviano.Tutti zitti ? https://youtu.be/D-JCYyKK_8U Parere negativo del capo della squadra mobile a la scorta di Saviano. Dal momento che io non sto con mentitori seriale, per cui #iononstoconSavionarola!

  4. Cara Luciana, coloro i quali hanno voluto strumentalizzare le tue parole SCRITTE, sono sempre gli stessi disonesti intellettualmente. Non mi riferisco solo a coloro che hanno fatto finta di non capire, ma anche chi si è voluto servire delle tue parole per farne un uso di parte, in una questione che solo oggi emerge, o meglio, per taluni emerge solo oggi. Sperando di farti cosa gradita nello starti vicino, pubblicherò sulla mia pagina le tue esternazioni e denunce. #NonTiLasceremoSola!! Un affettuoso abbraccio.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)