Il nuovo modo di leggere Napoli

PAN, 11-16 maggio: Washing the pink – Vai oltre il rosa

di / 0 Commenti / 80 Visite / 5 maggio, 2016

untitledll progetto, che nel nome riprende il fenomeno del PINKWASHING – rovesciandone il significato e la sintassi – affronta la problematica del cancro al seno e del diffuso fenomeno di strumentalizzazione di questa malattia per fini commerciali.
Una donna su 8 è colpita dal cancro al seno, ed il 30% di queste donne ammalate vede il cancro diffondersi dal seno ad altri organi, e muore. C’è chi su questi numeri ci guadagna e lo fa nascondendosi dietro un accattivante e rassicurante “nastro rosa”.
Dietro questo rosa c’è il Pinkwashing, un’operazione di marketing su cui si fonda l’industria del cancro al seno. Attraverso la vendita di prodotti “rosa” e della relativa raccolta fondi, si porta a credere nell’acquirente di essere di aiuto alle donne ammalate e di far parte di una lotta di successo che presto porterà a una cura definitiva, che debellerà il cancro al seno. In apparenza lodevole, questa campagna nasconde molte ombre: come il fatto che solo una minima parte dei proventi vada  realmente alla ricerca contro il cancro; mentre le compagnie farmaceutiche e cosmetiche coinvolte commercializzano anche prodotti cancerogeni.
Che fine fanno i fondi per la ricerca raccolti per la lotta al cancro al seno? – ci chiediamo. Quanti di questi soldi vengono utilizzati per studi volti a determinare le cause ambientali e alimentari della malattia – così tanto incisive soprattutto nella Terra dei Fuochi? La prevenzione e la promozione della salute sono realmente al centro degli interessi di queste operazioni di marketing? Perché si lotta per la cura e non per la prevenzione non diagnostica, come la cura dell’ambiente e dell’alimentazione?
É necessario un radicale cambiamento di approccio e di modalità per sconfiggere quella che ormai è una vera e propria epidemia che terrorizza l’universo delle donne.
Noi ci opponiamo a questa cultura commerciale sul cancro al seno, chiedendo un cambiamento della società, e lo facciamo iniziando con un’opera di “Washing the pink”: togliamoci di dosso tutto questo rosa, liberiamoci da questo velo che edulcora la malattia e agiamo!

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)