Il nuovo modo di leggere Napoli

Coronavirus, il punto della situazione in Campania

di / 0 Commenti / 282 Visite / 24 febbraio, 2020

coronavirus_editorial Seppure in Campania non vi sia nessun caso accertato di contagio, tra la popolazione regnano allarmismo e apprensione. Proprio come sta accadendo nel milanese, diversi supermercati sono stati presi d’assalto anche a Napoli e provincia. I campani temono il peggio e si preparano a fronteggiare l’emergenza munendosi di scorte e provvigioni.

Stamane, lunedì 24 febbraio, il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, ha tenuto una conferenza stampa nell’ambito della quale ha reso noto che a breve verranno resi noti i risultati dei tamponi effettuati sui casi sospetti.

“Daremo indicazione ai sindaci di non procedere ad atti unilaterali, ma a comunicare subito i casi sospetti. Siamo in grado in due ore di avere i risultati dei test, per questo dobbiamo essere informati”, ha spiegato il governatore che ha anche chiarito che per quanto riguarda il trasporto pubblico, come stabilito dal ministero della Salute, i pendolari e chi usa i mezzi pubblici non saranno dotati di mascherine o gel igienizzante.

L’ospedale Cotugno specializzato in malattie infettive, può effettuare 100 tamponi faringei al giorno per verificare la positività al Coronavirus, sarà potenziato anche con l’ausilio di strutture private.

In merito alla decisione dei sindaci di alcuni comuni di chiudere le scuole, De Luca ha precisato: “Ci sono delle ordinanze sindacali che riguardano la chiusure di scuole, a Buccino nel Salernitano, a San Giuseppe Vesuviano (Napoli) e altre. Daremo indicazioni ai sindaci di non procedere, chiaramente sono linee guida e non atti autoritativi”.

In particolare, scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, nidi compresi, resteranno chiusi a Sant’Agata de’ Goti fino a giovedì: la decisione del sindaco Giovannina Piccoli è scattata per la presenza, fino a qualche giorno fa sul territorio, di un insegnante di origini santagatesi che presta servizio a Casalpusterlengo, comune del Milanese che si trova all’interno del focolaio del virus, e al rientro di un gruppo di studenti delle scuole del territorio da una gita a Milano e Verona. L’ordinanza del sindaco si Sant’Agata dei Goti invita i familiari del docente e tutti coloro che hanno partecipato alla gita di istruzione a osservare un periodo di 14 giorni di quarantena.

Il governatore ha sciolto anche i dubbi legati all’incontro di Champions League tra Napoli e Barcellona, riguardo all’ipotesi di far disputare la partita a porte chiuse.

I tifosi di fede azzurra possono tirare un sospiro di sollievo: la partita si disputerà regolarmente e possessori del biglietto potranno assistere al match sugli spalti dello stadio San Paolo di Napoli.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)